Se pensiamo al Salento, ci viene subito in mente il suo splendido mare. In effetti, il “tacco d’Italia” è bagnato da un mare talmente azzurro e cristallino da non aver nulla da invidiare a quello delle Maldive.
Ma forse non tutti sanno che il Salento è molto di più. Il suo territorio ha origini molto antiche che si testimoniano attraverso le sue città, veri e propri scrigni d’arte che custodiscono meravigliosi monumenti, castelli, chiese barocche, torri costiere, palazzi nobiliari e tradizioni popolari.
Tra i castelli più belli citiamo il Castello di Lecce, risalente al 1539, comissionato dall’imperatore Carlo V. La fortezza ha forma quadrangolare, con bastioni ai quattro angoli e due porte per accedere all’interno: entrando dalla porta principale è possibile ammirare un ampio e sontuoso salone che affaccia sul cortile interno.
Merita una visita anche la splendida cittadina di Specchia, inserita tra i Borghi più belli d’Italia. Splendido il suo centro storico, con le strette stradine, le meravigliose chiese in pieno stile barocco, il Palazzo Protonobilissimo (nel quale è possibile anche soggiornare) e l’antica masseria Borgo Cradigliano. Nel territorio di Specchia è possibile visitare anche le numerose testimonianze di insediamenti preistorici tra cui i Dolmen e i Menhir, costruzioni megalitiche avvolte da un’aura di mistero, come anche le Specchie, misteriosi cumuli di pietre che si pensa avevano la funzione di torri di vedetta, o luoghi sacri legati al culto del Dio del Sole.

photo credit: Hari Seldon via photopin cc