L’aeroporto di Dublino è tra i più trafficati d’Europa, potendo contare su più di 23 milioni di viaggiatori in transito o in visita nella capitale irlandese. Per far fronte a questo volume destinato ogni anno ad aumentare il Governo ha fatto notevoli investimenti per rendere l’aeroporto uno dei nodi di scambio aereo principali d’Europa. Per questa ragione sorgono all’interno di questo sempre più attività e servizi utili per i viaggiatori (per info su Dublino cliccate qui).

Le compagnie che coprono la tratta per Dublino dall’Italia sono diverse, tra queste l’Air France,  la British Airways,  la Bmi,  la Flybe.com, l’Aer Lingus (compagnia di bandiera irlandese)  e la Ryanair (per unfo sulla Ryanair cliccate qui). Scesi dall’aereo si potrà notare come il Dublin Airport è molto ben collegato con il centro città con numerose linee di aubobus.

Fuori dagli arrivi si avrà infatti l’imbarazzo della scelta tra le diverse linee su gomma che offrono la possibilità di portare il turista a Dublino o nelle vicine località. Un consiglio è quello di acquistare i biglietti dei bus direttamente online, in modo da non correre rischi di non avere monete per pagare il ticket (sugli autobus in Irlanda si accettano solo monete).

Il bus più famoso per raggiungere in poco tempo il centro di Dublino è l’Airlink. Fa soste in tutti i luoghi di maggiore interesse come il Trinity College, il Temple Bar, la Christ Church e la Central Bus Station. In alternativa si può optare per Aircoach che garantisce collegamenti 24 h su 24. Se si vuole risparmiare si può anche optare per le classiche linee extraurbane, economiche ma molto più lente (per altre info su Dublino cliccate qui).

Se si decide di noleggiare una vettura si può direttamente nell’aeroporto scegliere tra diverse compagnie di autonoleggio. Argus, Atlas, Avis, Budget, County Car Rentals, Dan Dooley, Enterprise, Europcar, Hertz, National, e Thrifty hanno i loro uffici all’interno della zona aeroportuale.

Per chi ama la comodità c’è sempre l’opzione taxi, consigliata solo se si è almeno in 4, in modo da dividere le spese e raggiungere comodamente l’albergo.

photo credit: paolotrabattoni.it via photopin cc