Capitale e la maggiore città dei Paesi Bassi, nella provincia dell’Olanda Settentrionale, Amsterdam è situata nella Randstad Holland, uno dei maggiori complessi urbani europei e uno dei rari esempi di sistema metropolitano policentrico che comprende diciassette città, collegate tra loro da una molto efficiente rete viaria, ferroviaria e fluviale. La città di Amsterdam ha più di 4 milioni e mezzo di turisti ogni anno, numeri che la rendono una delle capitali più visitate d’Europa. Le mete turistiche principali della capitale olandese sono Piazza Dam, la storica piazza costruita sulla prima diga sull’Amstel e centro per antonomasia della città, su cui si affacciano anche il Palazzo Reale in stile barocco, eretto a partire dal 1648 da Jacob van Campen come municipio della città e poi trasformato in residenza reale, e la Nieuwe Kerk, la “Chiesa Nuova”, del XV secolo.

Le 5 cose da vedere ad Amsterdam

Amsterdam, oltre ad essere famosa in tutto il mondo per i suoi numerosi coffee shops autorizzati alla vendita di marijuana e di derivati della cannabis e per il suo quartiere a luci rosse, De Wallen, dove la prostituzione è completamente legale, è nota in tutto il mondo anche per la sua architettura. La città possiede infatti uno dei maggiori centri rinascimentali di tutta l’Europa. Numerose costruzioni che risalgono al periodo tra il XVI e XVII secolo, conosciuto anche come Età dell’Oro, sono ora considerate monumenti storici e sono collocate intorno ad una serie di canali semicircolari. Per rendere più semplice la scelta dei luoghi da visitare durante un soggiorno ad Amsterdam vogliamo darvi 5 piccoli suggerimenti con le mete imperdibili della magica città olandese.

  1. Piazza Dam: conosciuta più semplicemente come “il Dam“, si tratta della più famosa piazza di Amsterdam, situata nella zona nuova sorta intorno al 1270 e un tempo piazza del mercato,. La piazza ospita uno dei monumenti principali della città, il Palazzo Reale oltre ad altri monumenti ed edifici d’interesse storico e artistico come il Nationaal Monument, la Nieuwe Kerk e il celebre museo delle cere Madame Tussauds.
  2. Palazzo Reale: noto anche come municipio di Amsterdam, il palazzo Reale fu costruito per ospitare la sede del municipio per essere poi trasformato in residenza reale. Classico esempio di barocco olandese a pianta rettangolare, il palazzo sorse a partire dal 1648, anno dell’indipendenza dei Paesi Bassi, su progetto di Jacob van Campen.
  3. Il Museo di Van Gogh: il museo è una delle attrazioni più gettonate di Amsterdam in quanto custodisce la più grande collezione di opere del pittore olandese Vincent van Gogh. Costituito da due edifici interconnessi, quello principale aperto nel 1973 e l’ala nuova progettata dall’architetto Kisho Kurokawa, il museo comprende opere che documentano le varie fasi della vita di Van Gogh, dall’infanzia, ai vari stadi emotivi, fino alla morte. Tra le opere possedute vi sono “I mangiatori di patate”, “La camera di Vincent ad Arles” e una delle varie realizzazioni de “I Girasoli”.
  4. Concertgebouw: sala da concerto di Amsterdam, considerata per importanza tra le prime tre sale al mondo, il Concertgebouw è uno spazio ospita numerosi eventi concertistici, sia di musica classica sia di musica leggera ed è la sede della Royal Concertgebouw Orchestra.
  5. Nieuwe Kerk: situata nel quartiere di Burgwallen Nieuwe Zijde, nello stadsdeel di Amsterdam-Centrum, la chiesa fu costruita agli inizi del XV secolo, in un luogo dove fino ad allora era stato un frutteto. Oggi la chiesa non è più un edificio spirituale ma è sede di mostre di natura antropologica e di concerti d’organo.