Risparmiare, divertirsi e concedersi la sospirata vacanza: al grido di questi motti i viaggiatori che si riferiscono al web alla ricerca delle proprie mete e delle offerte più vantaggiose sempre più spesso uniscono le forze e si finanziano l’un l’altro con progetti anche molto creativi.

Uno di questi è l’autostop sul web: il car-pooling, il modo low-cost di viaggiare scambiandosi passaggi auto grazie a siti web che si occupano proprio di questo nuovo aspetto del viaggio.

Si tratta di una moda che in un solo anno si è incrementata del 30% e che soprattutto d’estate mette in collegamento l’Italia con tutta l’Europa, da Amsterdam a Cracovia, da Parigi a Londra e che si sta espandendo molto rapidamente  anche oltreoceano, negli Stati Uniti.

Sono oltre 150 mila le persone che si sono registrate a uno dei portali che propongono viaggi condivisi sul web, in tutto il totale è quasi di 600mila viaggi nel suolo nazionale, circa 700 giri del mondo per farci un’idea.

Roma-Milano rimane la tratta più battuta, ma nel periodo estivo crescono di quasi il 60% le possibilità di trovare offerte di condivisione per le più rinomate mete turistiche.

Si tratta di un metodo di viaggio molto utilizzato soprattutto dai giovani e che sta prendendo piede non solo per godere la possibilità di raggiungere le mete turistiche, ma anche per gli spostamenti di lavoro.

Un nuovo modo, caratteristico dei nostri tempi, di ‘alzare il pollice’ in cerca di un passaggio ancora prima di mettersi in strada.