Ci sono moltissime ragioni per voler visitare la piccola località siciliana di Bagheria ma la principale è sicuramente l’atmosfera vacanziera che si respira durante la stagione calda, che qui, ovviamente, si presenta molto asciutta, con le sue splendide sfumature oltremare dell’orizzonte marino, che si scorgono passeggiando sui lunghissimi litorali sabbiosi della vicina Aspra.

Ma non è solo l’aspetto naturalistico, verso l’interno punteggiato dal giallo degli alberi di limone, la cui fragranza si sparge piacevolmente nell’aria a donare a Bagheria un fascino indiscutibile.

La storia qui è palpabile, giacchè la sua antica aristocrazia ha lasciato numerose testimonianze di esempi architettonici settecenteschi.

Le facciate dei palazzi signorili, infatti, sono strutturate ed ornate in stile squisitamente barocco, a memoria imperitura del potere delle famiglie nobiliari dell’epoca.

Ma Bagheria è stata anche la location delle celebri pellicole dirette dall’autore Giuseppe Tornatore, originario del luogo il quale, dopo anni dal successo di “Nuovo cinema paradiso” ha girato recentemente un altro film autobiografico, “Baaria”.

Senza contare che è stata luogo di nascita del pittore Renato Guttuso, per cui è presente in città una fondazione a lui intitolata.

Questo piccolo centro ricco di storia e di cultura è situato vicino Palermo, e molti traghetti collegano gli altri porti italiani, spagnoli e tunisini, alla città capoluogo della Sicilia.