È previsto per domani 6 giugno lo sciopero dei rifornimenti di benzina. Tutta la popolazione italiana è invitata ad astenersi dal rifornimento delle proprie auto come forma di protesta contro i continui aumenti del prezzo del carburante.

L’iniziativa è stata proposta dall’Aci e si ispira alle azioni di sciopero di massa già fatte in America qualche tempo fa che hanno portato il prezzo della benzina a scendere di oltre 30 centesimi in meno di 24 ore.

Anche se il prezzo del carburante continua a salire, c’è chi non vuole rinunciare all’auto come mezzo di spostamento per le proprie vacanze. Come si può risparmiare?

In Italia è più conveniente fare il rifornimento nelle pompe bianche, cioè quelle pompe che non appartengono a nessuna multinazionale e che propongono prezzi inferiori anche di 8/10 centesimi di euro al litro.

Se ci si sposta all’estero è meglio scegliere come destinazione del viaggio i paesi dell’est Europa dove il prezzo della benzina è quasi dimezzato rispetto a quello italiano. in paesi come la Romania, la Bulgaria e Cipro il prezzo del carburante difficilmente supera un euro e quaranta al litro. È sicuramente un prezzo alto ma molto vantaggioso rispetto a quello a cui siamo abituati.