Per una settimana la città di Bergamo ospiterà l’Expo turismo Gay, la fiera del turismo dedicata interamente agli omosessuali che molto viaggiano.

L’iniziativa non senza polemiche è patrocinata dal Ministero del Turismo per volere proprio del Ministro in carica Michela Vittoria Brambilla.

Il Ministro ha spiegato che questa manifestazione nasce anche dalla consapevolezza che nel nostro Paese il pregiudizio nei confronti dei gay sia ancora radicato.

L’appoggio istituzionale ad una fiera specializzata è, secondo la Brambilla, un atto che mira ad agevolare un cambiamento culturale italiano.

Il Ministro ha più volte dichiarato le sue posizioni liberali soprattutto nel caso in cui la libertà dei costumi sessuali non danneggia nessuno.

L’Expo Tursimo Gay (ETG) è la prima ed unica Fiera del Turismo GLBT italiana (Gay, Lesbian, Bisex, Transgender) rivolta agli operatori professionali del settore.

Alla manifestazione saranno presenti buyers e sellers nazionali ed internazionali che rivolgono i propri prodotti e servizi alla comunità GLBT.

Per i seller (espositori) la possibilità non solo di incontrare gli agenti di viaggi italiani o ma anche i buyer italiani e internazionali invitati all’evento con cui sarà tra l’altro possibile prefissare gli appuntamenti.

Questo particolare tipo di turismo, lo ricordiamo, pur essendo di nicchia ha un valore sul mercato di circa 3,5 miliardi di euro.