Se avete scelto Budapest come meta per la vostra vacanza estiva durante le settimane centrali del mese di agosto, sappiate che la capitale ungherese offre non soltanto il percorso storico artististico consueto per qualunque città d’ arte europea, visto che proprio in questi giorni la vostra destinazione è animata da numerose manifestazioni a carattere culturale, come lo Sziget festival – la settimana di concerti rock da vivere integramente piantando la tenda o campeggiando in roulotte sull’isola di Obuda – ma anche la festa per celebrare Santo Stefano, il patrono della capitale, ed il festival dedicato al folcklore di questo territorio.

Stefano I fu re dell’Ungheria e valido uomo politico, il quale, convertendosi alla religione cattolica rese ufficiale il cristianesimo in tutta la regione, ragion per cui ebbe poi l’investitura da parte di papa Silvestro II e quindi, fin dall’anno mille dopo Cristo, fu santificato.

Il 20 agosto viene festeggiato, in forma gratuita, da tutte le piazze del Paese, ma nella città principale la sua commemorazione assume carattere maggiormente fastoso e la giornata si chiude con spettacolari fuochi d’artificio sulle acque del Danubio, il fiume simbolo dello Stato ungherese.

La sagra delle arti e dei mestieri necessita invece del pagamento di un biglietto di ingresso per entrare nei cortili del castello di Buda, dove potrete passeggiare tra le botteghe ricostruite a cielo aperto, ammirare gli artigiani in costume d’epoca forgiare i manufatti, assistere al teatrino dei saltimbanchi ed assanggiare i dolci tipici ed altri piatti della gastronomia tradizionale.