È di nuovo in scena Buenos Aires: La capitale argentina risorge come una novella fenice dalle proprie ceneri, e la città assume nuovamente il ruolo di cuore economico e culturale pulsante e trainante, passati dieci anni dal fallimento del suo Stato.

Dopo la crisi economica che vide l’Argentina costretta a dichiarare la banca rotta alla confederazione degli stati del Sud America, Buenos Aires torna a risplendere di nuova luce agli occhi di artisti, attori, uomini d’affari, e genti diverse provenienti dagli Stati Uniti d’America, dalla Gran Bretagna, dai Paesi di lingua latina limitrofi come dalla Spagna.

Molte celebrità, come la stessa Natalie Portman o Benicio del Toro, hanno scelto il centro nevralgico dell’Argentina come meta del proprio viaggio vacanziero.

Il motivo per cui la capitale è pervasa da nuova linfa, dove tutto sta accadendo in maniera emozionante e rivoluzionaria come accadde alla capitale della Repubblica Ceca venti anni fa, è che attrae studenti, musicisti, lavoratori di ogni genere, per via del ridotto costo della vita.

Il fatto che una moltitudine disparata, più o meno famosa, più o meno conosciuta su scala internazionale, abbia scelto di stabilirsi in questa splendida città, si può dire che, a sua volta abbia “fertilizzato” il suo territorio.