La Bulgaria, Stato membro dell’Unione europea situato nella parte sud-orientale dell’Europa, nella metà orientale della penisola balcanica è una terra ricca di numerosi luoghi di interesse architettonico e artistico. La nazione confina con il mar Nero a est, con la Grecia e la Turchia a sud, con la Serbia e la Macedonia a ovest e con la Romania a nord, da cui è divisa dal fiume Danubio e la sua attività turistica è stata incentivata fin dall’epoca socialista in quanto fonte di preziose valute straniere. La Bulgaria offre mete per diversi tipi di attività; vi sono località balneari e sciistiche, zone termali, riserve di caccia e numerosi monumenti e parchi naturali.

Attrazioni turistiche della Bulgaria: cosa vedere

Le località balneari sul Mar Nero più frequentate sono Sozopol, Nesebăr, le Zlatni pjasăci, la Slănčev Brjag, Albena ed il centro Santi Costantino ed Elena, mentre tra le località sciistiche le mete più frequentate, in prevalenza da turisti britannici, sono Borovec, Bansko, Pamporovo, Vitoša e Velingrad. Oltre alle città di Sofia, Plovdiv e Veliko Tărnovo sono meta molto frequentata i monasteri, il più celebre dei quali è il monastero di Rila. In Bulgaria, inoltre, si trovano 9 siti dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO come la chiesa di Bojana che si trova a Boyana, un quartiere della capitale bulgara Sofia. La chiesa deve la sua fama ai notevoli affreschi che contiene che costituiscono un vero e proprio secondo strato sopra i dipinti dei secoli precedenti e rappresentano uno degli esempi più completi e meglio conservati dell’arte medievale dell’Europa orientale. Sui muri della chiesa sono dipinte un totale di 89 scene con 240 figure umane. Importante è anche il Cavaliere di Madara, un bassorilievo scolpito nella roccia dell’altopiano di Madara in epoca alto-medievale nella Bulgaria nord-orientale, vicino alla città di Šumen. L’opera rappresenta un maestoso cavaliere, scolpito a 23 metri dal suolo in una roccia alta circa 100 metri, rivolto verso destra mentre sta conficcando una lancia in un leone che si trova ai piedi del suo cavallo. Tra gli altri Patrimoni dell’umanità UNESCO figurano anche le chiese scolpite nella roccia di Ivanovo, un gruppo di chiese, cappelle e monasteri scavati nella solida roccia e assolutamente diversi da ogni altro complesso monasteriale della Bulgaria che si trovano vicino al villaggio di Ivanovo, 20 chilometri a sud della città di Ruse, e la tomba tracia di Kazanlăk, sepoltura a volta costruita in mattoni, situata vicino alla città di Kazanlăk, nellaBulgaria centrale. Uno dei monumenti più belli dell’intera Bulgaria è la cattedrale di Aleksandăr Nevski, cattedrale ortodossa di Sofia costruita in stile neo-bizantino in memoria dei 200 000 soldati russi caduti nella guerra turco-russa. La cattedrale di Aleksandăr Nevski è alta 45 metri; col campanile, che contiene 12 campane, misura 50,52 metri. La cattedrale occupa un’area di 3170 m² e può contenere al suo interno più di 5.000 persone. L’interno della cattedrale è in stile italiano, decorato con alabastro e molti altri materiali pregiati. Tra gli altri importanti edifici della capitale della Bulgaria figura anche la chiesa di San Giorgio dalla pianta circolare di epoca paleocristiana. Costruita in laterizio rosso, è considerata il più antico edificio di Sofia. Fu costruita nel IV secolo e venne decorata con affreschi nel X secolo e poi ancora nel XII secolo. Durante il periodo ottomano fu convertita in moschea. Oggi è un museo e si trova circondata dai resti dell’antica Serdica e da un albergo.