Tra i carnevali più belli della tradizione italiana, quello di Acireale è sicuramente tra i primi cinque sul podio, insieme a quello di Venezia, Viareggio, Cento e Ivrea.
Il Carnevale di Acireale ha origini molto antiche: la prima testimonianza di questa manifestazione risale all’anno 1594, mentre le sfilate dei carri allegorici hanno fatto la prima comparsa 300 anni più tardi. Inizialmente si usava addobbare le carrozze dei nobili, mentre in seguito si pensò ad utilizzare la cartapesta, visto che molti artigiani della città utilizzavano abilmente questa tecnica di decorazione.
Ma ciò che sicuramente ha reso così bello il Carnevale di Acireale, tanto da distinguersi tra quelli del resto d’Italia sono sicuramente i meravigliosi carri infiorati, realizzati dai maestri fiorai acesi che, con migliaia di petali di fiori colorati, riproducono figure allegoriche o fattezze di personaggi noti.
Anche i carri di cartapesta sono a dir poco stupefacenti, grazie ad impianti di luci e pompe meccaniche che permettono di raddoppiare le loro dimensioni sia in lunghezza che in altezza, sorprendendo ogni volta i presenti con spettacoli unici al mondo!
Ad Acireale cogliete l’occasione per visitare le meraviglie artistiche e culturali della città tra cui la Basilica dei Ss. Pietro e Paolo ospitata nella Piazza del Duomo, il Palazzo Comunale, la Chiesa di San Sebastiano, le terme di S. Vénera e la Biblioteca e Pinacoteca Zelantea che conserva al suo interno un busto raffigurante Giulio Cesare, opera romana rinvenuta nel 1676.

photo credit: SiciliaToday via photopin cc