L’ antica via Cassia, consolare costruita intorno al quarto secolo avanti Cristo, che da Roma portava fino a Firenze, è oggi uno tra i più interessanti itinerari di degustazione enogastronomica del Lazio, sia per il paesaggio dolce che lambisce le rotondità di colline verdeggianti, sia per i sapori che le cucine dei borghi più caratteristici, continuano a conservare.

Proprio lungo questa strada, che costeggia rispettivamente altre due consolari come l’Aurelia e la Flaminia, attraverso le quali si potevano raggiungere le regioni del nord Italia,  molte aziende vinicole, unitamente a quelle legate alla produzione agroalimentare del luogo, trovano l’origine della propria tradizione, spesso millenaria.

Le stesse imprese, infatti, operano ancora sui medesimi territori da tempi talmente remoti che le testimonianze più recenti che se ne possono avere, ci mostrano gli antichi locali che le ospitavano, su carta fotografica ingiallita, e sullo sfondo di un paesaggio sempre riconoscibile, perché rimasto intatto nel tempo.

E rimane questo il segreto dell’intrinseca bontà dei prodotti che si possono gustare durante questo percorso, scelto per un week end disimpegnato nella regione Lazio: I sapori, come i paesaggi, non sono stati corrotti dallo scorrere del tempo e dall’avanzare dell’inquinamento atmosferico che l’avvento dell’epoca moderna ha portato con sé.

Un viaggio tutto da assaporare, naturalmente certificato Bio.