“L’Atelier sul mare”, è un vecchio albergo miramare situato a Castel di Tusa – che si trova tra Palermo e Messina – che è stato acquistato da Antonio Presti negli anni novanta, con l’intento di tramutarlo in un luogo magico dove i viaggiatori possono alloggiare all’interno di camere realizzate dagli artisti

Secondo Antonio Presti, già autore de “La fiumara d’arte”, uno straordinario progetto di arte contemporanea che si estende per oltre cinquanta chilometri, l’arte è un’esperienza che va vissuta.

Per questa ragione l’albergo, che consta di circa quaranta stanze, è stato affidato alla creatività e al talento di numerosi intellettuali ed artisti – per citarne qualcuno Dario Bellezza, Maria Lai, il cineasta cileno Raul Ruiz, Paolo Icaro, lo stesso Antonio Presti, Renato Curcio – a cui va il merito di aver ideato le camere nelle quali chiunque può alloggiare, e che possono essere tranquillamente definite “sculture d’ambiente vivibili”.

Oltre a questa peculiarità sostanziale, l’albergo consta anche di una stanza dedicata al raccoglimento del visitatore, aperta a tutti. Al suo interno c’è una sorta di gigantesco totem e una specie di fonte battesimale estremamente suggestive.

Dopodichè ci si può rilassare nella sua ampia ed accogliente hall, seduti comodamente sui divani, e consultare le monografie d’arte a disposizione impilate nelle librerie, oppure si può dipingere la ceramica, componendo quello che diventerà il proprio bicchiere da vino o la propria tazza o il piatto personale, che un’insegnante provvederà ad infornare.

Basterà attraversare la strada per fare un tuffo nell’acqua cristallina.

La località è raggiungibile indifferentemente da Messina o da Palermo, nel cui porto attraccano molti traghetti che la collegano ad altri porti italiani ed internazionali.