Quando sentiamo parlare della Transilvania non può non venirci in mente il castello di Dracula, croce e delizia dei Carpazi, fortezza rumena ubicata a Bran, a pochi chilometri da Brasov, edificata nel XIV Secolo per volere di Ludovico I come posto di guardia. Il castello sopita oggi un Museo di arte medievale della Transilvania (per info sulla Romania cliccate qui).

La leggenda di Dracula nasce dal principe Vlad Tepes di Valacchia, conosciuto come Dracula perché figlio di Vlad II saprannominato Vlad Dracul. Questo nomignolo gli fu affibbiato dal popolo della Transilvania a seguito di monete con un drago coniate dal principe. Il drago, rappresentando Satana nelle Sacre Scritture, fece credere ai popolani che Vlad avesse stretto un patto con il Diavolo, e per questo iniziarono a chiamarlo Vlad Dracul, cioè Vlad il Diavolo. Col passare del tempo il termine Dracul divenne in Occidente Dracula, e il suo nome fu associato ai vampiri. La crudeltà del principe e i grandi spargimenti di sangue da questi perpetuati per tutti i Carpazi, favorirono la leggenda di Dracula il vampiro, immortalata nel 1897 dal romanziere irlandese Bram Stoker (per maggiori info sulla Transilvania cliccate qui).

Il castello è dotato di ogni comfort, ristorante, Hotel caratteristico, e la presenza folcloristica di vampiri quasi ovunque. Al ristorante si possono gustare deliziose zuppe transilvane e spiedini di carne prelibata arricchita con salse tipiche. Le stanze del castello sono lugubri quanto affascinanti, per non parlare della notte passata nell’Hotel adiacente, che sarà sicuramente elettrizzante e in qualche modo romantica, soluzione ideale per le giovani coppie (per altre info sulla Romania cliccate qui).

photo credit: mariusz kluzniak via photopin cc