Il passaporto è un documento rilasciato dalla questura italiana per permettere ad un cittadino di entrare in un paese extra-europeo. La domanda per ottenerlo può essere inoltrata alla questura o alla stazione dei Carabinieri del proprio comune di residenza. Se si abita all’estero, la domanda di rilascio passaporto viene fatta alle ambasciate consolari italiane.

Il passaporto dura 10 anni e non può essere rinnovato. Ogni volta che il documento scade va fatta richiesta per ottenerne uno nuovo, riconsegnando il vecchio. Ogni anno, però, al fine di mantenerlo valido è necessario acquistare l’apposito contrassegno.

Dal 2010 il passaporto rilasciato dalle questure è di tipo elettronico: ha un microchip in copertina che contiene i dati anagrafici, le foto e le impronte digitali del titolare.

Per ottenere il passaporto bisogna, innanzitutto, compilare il modulo di richiesta e recarsi in questura. Insieme al modulo compilato vanno presentati: un documento di riconoscimento non scaduto, 2 fototessere recenti 4×4 sfondo bianco, un contrassegno di 40,29 euro per passaporto, la ricevuta del bollettino di 42,50 euro versato al Ministero dell’Economia e delle Finanze con causale “Rilascio Passaporto Elettronico.

Dopo queste procedure la questura procederà all’acquisizione delle impronte digitali.

Per quanto concerne i tempi di rilascio, solitamente essi variano in base a quella che è l’efficienza della questura: dal momento della consegna di tutta la documentazione possono passare da 1-2 giorni a più di una settimana.

photo credit: fabcom via photopin cc