Bologna, capoluogo dell’Emilia Romagna, è stata costituita nel 1970. È ubicata nella Pianura Padana a ridosso degli Appennini. La zona è risultata abitata fin dal IX secolo a.C. grazie alle scoperte archeologiche del XIX secolo riguardo la città italica di Villanova. Successivamente gli etruschi fondarono la città di Felsina, nucleo originario di Bologna. Dopo gli etruschi la città fu dominata dai galli e poi dai romani, che la inclusero nella repubblica che stavano edificando sull’intera penisola italica.

Con la caduta dell’Impero la città passò sotto il dominio dei goti dai quali fu liberata dai bizantini che sotto l’Impero di Giustiniano decisero di riunificare l’Impero Romano in un corpo solo come ai tempi di  Costantino. I bizantini persero però la città di Bologna in favore della nuova popolazione che dominò la Penisola, i longobardi. La dominazione dei longobardi durò fino alla discesa di Carlo Magno, che con la sconfitta dell’ultimo re italico Desiderio, pose fine all’indipendenza dell’Italia assoggettandola al nuovo Impero dei Franchi. Lo stesso Imperatore la regalò al Papa, che la fece crescere come libero comune fino al XVI secolo, quando il Papato incluse la città direttamente nello Stato Pontificio.

Stupenda, in Piazza Maggiore, è la chiesa gotica di San Petronio, il cui portone è stato decorato da Jacopo della Quercia. Nella piazza si possono anche ammirare gli edifici della civiltà comunale come il Palazzo del Podestà e la fontana di Nettuno. Le chiese del comprensorio di Santo Stefano, la Cattedrale di San Pietro e la chiesa medievale di San Francesco completano una prima visita spettacolare della città, che porta i visitatori a credere di essere tornati indietro nel tempo e di rivivere ai tempi dei comuni. 

Famose sono anche le sue torri, costruite dalla nobiltà cittadina per difendere la città e soprattutto per mostrarne l’importanza. Le torri, infatti, rappresentano la grandezza cittadina, che nel XIV e XV secolo raggiunse il suo apice.

Bologna è uno dei simboli delle polis medievali italiane, che hanno reso e rendono ancora oggi famosa l’Italia nel mondo. La città è ideale per un week-end romantico in giro per i locali tipici, dove poter trovare giovani musicisti che si esibiscono dal vivo, ristoranti dove poter mangiare le prelibatezze della cucina bolognese.

A cura di Christian Vannozzi

photo credit: zilverbat. via photopin cc