Abbiamo sempre decantato il mare straordinariamente limpido e cristallino della Costa Smeralda, le sue favolose spiagge e le location della vita mondana frequentata da molti volti noti, ma poco abbiamo parlato dei suoi monumenti e delle varie testimonianze che raccontano della sua civiltà nuragica.
Se questa estate sceglierete la Costa Smeralda come meta delle vostre vacanze e vorrete conoscere qualcosa in più sulla sua affascinante storia, allora eccovi qualche piccolo consiglio su cosa poter visitare durante il vostro soggiorno estivo.
Tante sono, infatti, le testimonianze storiche ed architettoniche sparse nel territorio di questo splendido tratto costiero della Sardegna tra cui diversi nuraghe, una sorta di fortezze costruite con enormi massi sovrapposti l’uno sopra l’altro, databili tra il Decimo ed il Tredicesimo secolo a.C.
Arzachena offre numerosi reperti archeologici tra cui il Nuraghe Albucciu, il tempio di Malchittu e le tombe di Giganti di Coddu Vecchiu, vicino agli splendidi vigneti di Capichera.
Oltre a visitare questi luoghi di notevole interesse, vi consiglio di ammirare anche la chiesa più antica della Costa Smeralda, Santa Maria Maggiore che sorge nel cuore di Arzachena in Piazza Risorgimento, ed altre numerose chiese campestri.
Gli amanti dell’arte, possono recarsi alla Chiesa Stella Maris di Porto Cervo, un piccolo scrigno d’arte che custodisce vere e proprie opere tra cui due sculture di Pinuccio Sciola, le porte in bronzo di Luciano Minguzzi ed il meraviglioso dipinto di El Greco, di Domenico Theotocopulos.
Anche Santa Teresa di Gallura ha tanto da offrire dal punto di vista storico, fu infatti una fiorente città romana che conserva ancora la Torre Aragonese, simbolo del paese, la pineta secolare Chiesa del Buoncammino, la batteria Ferrero che conserva ruderi della seconda guerra mondiale ed il sito archeologico Lu Brandali, datato tra il XIV ed il IV secolo a.C.
Palau, rilevante sito archeologico della Costa Smeralda, è ricco di tombe preistoriche: famose le Tombe dei giganti di Li Mizzani ed il nuraghe Luchìa; di notevole importanza anche le tombe Si Sajacciu, anche se non in buono stato di conservazione e la fortezza di Monte Altura, con incantevoli scorci della Maddalena e della Costa Smeralda.

photo credit: Mark Pilkington via photopin cc