Una crociera sul Nilo è uno di quei viaggi che hanno ben poco di rilassante, i ritmi di viaggio sono serrati e ci si sposta continuamente da un posto all’altro, ma è anche l’unico modo per avere un’idea delle meraviglie dell’Egitto e dell’antica civiltà egiziana se si ha una settimana o poco più a disposizione.

L’itinerario solitamente parte da Luxor, si naviga lungo le sponda occidentale del fiume per arrivare fino adAswan e poi si torna indietro lungo la sponda opposta.

La prima tappa da fare è al tempio di Medinet Habu, dedicato al faraone Ramses III, giusto un assaggio prima di arrivare alla Valle dei Re, in cui sono conservati i resti delle costruzioni dell’Era del Nuovo Regno. Una strada sterrata attraversa in lunghezza tutta la Valle, a fianco le tombe dei faraoni, la più bella e imponente è quella di Tutankhamon, scoperta dall’egittologo Howard Carter, che al suo interno trovò, praticamente intatto, tutto il tesoro del faraone, ora conservato al Museo Egizio de Il Cairo.

Si procede poi per la visita all’antica Tebe, oggi chiamata Luxor, dove si può ammirare è il tempio di Karnak, dedicato al dio Amon, per la maggior parte ancora da scoprire. Dal tempio di Karnak al tempio di Luxor dedicato alle divinità Mut e Khonsu. La costruzione del tempio fu iniziata durante il  regno di Amenhotep III nel XIV secolo a.C. e terminato, 100 anni dopo, da Ramses II.