Stando alle statistiche le vacanze 2011 sono state meno incidentate di quelle dello scorso anno.

A rivelarlo è una ricerca dell’Asaps (Associazione Amici della Polizia Stradale) .

I dati portati alla luce dalla ricerca infatti  evidenziano un bilancio migliore di quello dello scorso anno:  nei 45 giorni di esodo monitorati tra luglio e settembre di quest’anno, gli incidenti sarebbero diminuiti, registrando un dato negativo di 7,1% (1.327 sinistri in meno, secondo i dati di Polstrada e Carabinieri) e di 12,1% se si considerano solo quelli mortali.

Sono diminuiti anche gli incidenti in autostrada, i più temuti a ragion veduta, rispetto al 2010 i sinistri sono diminuiti del 5%, il numero dei feriti del 7%, il  numero dei morti del 24%.

Anche il tempo di attesa in coda alle stazioni ha registrato segno meno (-13%).

I viaggiatori si informano di più, attraverso Internet, attraverso i social network, ma anche grazie al sito dell’Anas dove le visite sono aumentate del 32% rispetto allo stesso mese del 2010.

A registrare il picco di traffico l’A22 Autobrennero e l’A23 Alpe-Adria, dove anche a causa di un massiccio flusso di stranieri, si sono registrati traffico intenso e code a tratti.

Per quanto riguarda l’A3 Salerno-Reggio Calabria, il traffico complessivo durante l’esodo è «aumentato di oltre il 6%, mentre gli incidenti sono diminuiti del 46%».

Su questa direttrice però, ha segnalato l’amministratore unico dell’Anas, Pietro Ciucci, nei giorni di blocco della circolazione per i mezzi pesanti non tutti hanno rispettato il divieto.