Capoluogo di provincia del Friuli-Venezia Giulia, Trieste rappresenta una delle città più splendide dell’Italia intera. Fulcro della regione storico-geografica della Venezia Giulia, Trieste è situata in una zona geografica che la rende un vero e proprio ponte tra Europa occidentale e centro-meridionale e rappresenta tutt’oggi un importante snodo ferroviario e marittimo.

Affacciata sull’omonimo golfo nella parte più settentrionale dell’Alto Adriatico, Trieste si colloca fra la penisola italiana e la penisola istriana, distante qualche chilometro dal confine con la Slovenia. Tra le tante meraviglie che la città propone spiccano numerosi palazzi, piazze e musei che la rendono un vero e proprio spettacolo per tutti i turisti. Ecco una guida turistica di Trieste con le 20 tappe più importanti da inserire nell’itinerario di viaggio durante un soggiorno nella città.

  1. Piazza Unità d’Italia: si tratta della piazza principale di Trieste, situata ai piedi del colle di San Giusto, tra il Borgo Teresiano eBorgo Giuseppino. Tra i tantissimi palazzi che si affacciano sulla piazza sono da segnalare il palazzo della Luogotenenza austriaca, ora sede della prefettura, e palazzo Stratti, sede dello storico Caffé degli Specchi.
  2. Canal Grande: situato nel cuore del Borgo Teresiano, in pieno centro città, Canal Grande fu realizzato tra il 1754 e il 1756 dal veneziano Matteo Pirona. Il canale è attraversato oggi da due ponti e da una passerella pedonale: il Ponte Rosso e il Ponte Verde i cui nomi derivano dal colore con cui erano dipinte in origine le loro strutture.
  3. Civico museo Sartorio: collocato in una villa settecentesca appartenente alla famiglia Sartorio, il museo conserva alcuni ambienti con arredi originali e diverse collezioni donate alla città, come il “Trittico di Santa Chiara” di Paolo e Marco Veneziano del 1328 e disegni di Giambattista Tiepolo.
  4. Palazzo delle Poste: meglio conosciuto come Museo postale e telegrafico della Mitteleuropa, il Palazzo delle Poste rappresenta un museo situato al pianoterra dello storico palazzo delle Poste di Trieste, aperto al pubblico nel 1997. Al suo interno è possibile ammirare un pezzo della nave-laboratorio Elettra di Guglielmo Marconi e oggetti inerenti la storia della posta.
  5. Caffè San Marco: situato in in via Battisti 18, il Caffé San Marco rappresenta un locale storico della città di Trieste, fondato nel 1914 e considerato uno dei principali ritrovi degli intellettuali della città.
  6. Castello di Miramare: famoso per essere stato descritto nella poesia Miramar di Giosuè Carducci, il castello è adibito a museo e al suo interno è conservata anche una pregevole raccolta di vasi orientali. Al suo interno è possibile ammirare le stanze che furono abitate da Massimiliano d’Asburgo-Lorena e dalla moglie Carlotta.
  7. Cattedrale di San Giusto: principale edificio religioso cattolico della città di Trieste, la Cattedrale di San Giusto i trova sulla sommità dell’omonimo colle che domina la città. Oltre alla facciata della chiesa, arricchita da un enorme rosone di pietra carsica, l’edificio è famoso per le due absidi laterali decorate con splendidi mosaici.
  8. Museo Revoltella – Galleria d’arte moderna: al suo interno è custodita una pinacoteca con ampia raccolta di opere delle principali correnti pittoriche ottocentesche, in seguito ingrandita con opere novecentesche, nella sede di palazzo Brunner, mentre il palazzo Revoltella è stato allestito con gli arredi originali e la collezione raccolta dal donatore.
  9. Faro della Vittoria: oltre che ad assolvere le funzioni di faro per la navigazione illuminando l’intero golfo di Trieste, il Faro della Vittoria svolge anche le funzioni di monumento commemorativo in onore dei caduti del mare durante la prima guerra mondiale.
  10. Teatro Rossetti: d’obbligo è anche una visita al Teatro Rossetti, la più importante fondazione teatrale della città e di uno dei teatri più importanti e rinomati d’Italia sia in termini artistici che economici.
  11. Museo di storia naturale: inaugurato nel 1846, il museo comprende una sezione botanica, una sezione zoologica, una sezione paleontologica e una mineralogica e, inoltre, al suo interno si svolge attività didattica e di ricerca.
  12. Chiesa di Nicolò dei Greci: situata in riva Tre novembre, la chiesa dalla facciata neoclassica fu costruita tra il 1784 ed il 1795, ma fu consacrata ed utilizzata già nel 1787.
  13. Museo d’arte orientale: inaugurato nel 2001 nel settecentesco Palazzetto Leo, il Museo d’arte orientale raccoglie materiali riguardanti oggetti provenienti dall’Estremo Oriente. Oltre a collezioni ed oggetti d’arte è possibile ammirare anche ricordi di viaggio, armi, strumenti ed altri oggetti provenienti da tutta l’Asia, e per la maggiore parte da Cina, Giappone e Gandhara
  14. Palazzo Modello: situato a metà strada tra il municipio e il palazzo Stratti, il palazzo venne costruito dietro indicazioni del Comune e venne soprannominato Modello perché doveva servire come esempio architettonico per la ristrutturazione che stava avvenendo nell’allora piazza Grande.
  15. Casa Bartoli: si tratta di un interessante e originale edificio in stile liberty realizzato dall’architetto Max Fabiani nel 1905 e situato in Piazza della Borsa.
  16. Museo Teatrale Carlo Schmidl: inaugurato nel 1924, il museo documenta la vita teatrale e musicale della città di Trieste a partire dal XVIII secolo.
  17. Palazzo del Municipio: collocato in Piazza Unità d’Italia, il municipio della città di Trieste è sovrastato dalla torre campanaria sulla quale sono installati due mori, chiamati amichevolmente dai triestini Micheze e Jacheze progettati da Giuseppe Bruni che dal 1876 scandiscono il trascorrere del tempo ogni quarto d’ora.
  18. Castello di San Giusto: la fortezza, collocata sull’omonimo colle, è visitabile solo in parte. Oltre al lapidario, sono accessibili la Cappella, la Sala Caprin, l’ampio cortile interno e gli spalti, da cui si gode un ampio panorama sulla città sottostante.
  19. Parco della Rimembranza: situato sul colle di San Giusto, il Parco della Rimembranza custodisce una targa ai caduti triestini della prima guerra mondiale e un’alta fontana, somigliante ad un obelisco, installata in occasione della visita di Mussolini alla città di Trieste e, originariamente, era illuminata da luci tricolori.
  20. Risiera di San Sabba: si tratta di un vecchio lager nazista, situato nella città di Trieste, utilizzato per il transito, la detenzione e l’eliminazione di un gran numero di detenuti, in prevalenza prigionieri politici ed Ebrei. Risiera di San Sabba era uno dei campi di smistamento in Italia. in cui le autorità tedesche smistavano le persone che sarebbero state imprigionate nei campi di concentramento.