Posta sulla costa sud-orientale dell’isola, Siracusa è la quarta città della Sicilia per numero di abitanti, dopo Palermo, Catania e Messina. In passato la città fu una fra le metropoli più grandi del mondo antico e tra le più grandi polis del mondo greco, storia che ha lasciato le sue tracce negli splendidi monumenti e luoghi di interesse ancora conservati nelle mura di Siracusa. Caratterizzata da ingenti ricchezze ed importanti rilevanze storiche, archeologiche e paesaggistiche sul profilo antico,rinascimentale e barocco, nel 2005 la città è stata insignita del titolo di Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO insieme con la Necropoli Rupestre di Pantalica. La città di Siracusa si sviluppa in parte sul promontorio-isola di Ortigia e in parte sulla terraferma ma è proprio la prima parte ad essere quella più ricca di zone di interesse storico e artistico.

Le 10 cose da vedere a Siracusa

Siracusa è un vero e proprio agglomerato di monumenti e storia. Sono tantissimi, infatti, i luoghi che è possibile visitare durante un soggiorno nella bellissima città siciliana, ma per semplificare la scelta ecco una lista delle 10 cose più belle da vedere a Siracusa.

  1. Duomo di Siracusa: il Duomo, detto anche Cattedrale Metropolitana della Natività di Maria Santissima, è situato in Ortigia nel punto più alto, in Piazza Duomo. Questo luogo rappresenta la sede dell’arcidiocesi di Siracusa, di stile barocco, alla sua nascita era un Tempio dedicato ad Athena che divenne chiesa cristiana in età medievale. Prezioso è il suo interno, con molte cappelle, reliquiari, affreschi e la statua di Santa Lucia.
  2.  Chiesa di San Giovanni alle catacombe: in questo stesso luogo sorgeva in età greca classica una latomia, nella quale in età tardo ellenistica fu installata un’officina di vasai pertinente ad un’area cultuale pagana. Particolarmente importante è la cripta di San Marciano sotto la chiesa che ha accolto il corpo del primo vescovo fin quando a causa dell’invasione araba furono traslate a Gaeta.
  3. Chiesa di Santa Lucia al Sepolcro: situata nel quartiere di Santa Lucia, dell’attuale chiesa se ne hanno notizie già dal 1100 d.C., è di epoca normanna a pianta basilicale, accanto alla chiesa sorge il Sepolcro, un piccolo tempio a base ottagonale seminterrato. Il Sepolcro siracusano ospita una statua in gesso della Santa, di grande valore emotivo per la popolazione aretusea.
  4. Tempio di Apollo: si tratta del più antico tempio dorico della Sicilia, costruito in epoca greca, VI secolo a.C., dedicato ad Apollo, la divinità del sole.
  5. Teatro Greco di Siracusa: si tratta probabilmente del monumento più famoso dei siracusani e rappresenta è per dimensioni il più grande della Magna Grecia e della Grecia stessa. Costruito nel V secolo a.C. sulle pendici sul lato sud del colle Temenite e rifatto nel III secolo a.C. e ancora ritrasformato in epoca romana, è stato protagonista di grandi spettacoli di autori famosi sia greci che locali e ha visto rappresentazioni teatrali che continuano ancora ai giorni attuali.
  6. Tempio di Zeus: costruito nei primi decenni del VI secolo a.C., è il secondo tempio più antico di Siracusa e viene comunemente chiamato dai siracusani il tempio ”re’ du culonne”, per la presenza di sole due colonne superstiti.
  7. Latomie: si tratta di enormi cave di pietra dalle quali gli uomini estraevano la roccia per poi intagliarla e fabbricare edifici e monumenti. Quelle di Siracusa sono tra le più note, la città greca infatti utilizzava molto la bianca roccia calcarea, con la quale vi si costruivano templi e mura difensive. Le più conosciute sono quelle dei Cappuccini, denominate appunto Latomia dei Cappuccini.
  8. Palazzo del Vermexio: conosciuto anche come “Palazzo del Senato”, è la sede del Municipio di Siracusa. Si trova a Piazza Duomo e la sua costruzione fu commissionata dal governo della città nel 1629 e venne affidata all’architetto siracusano di origini spagnole, Giovanni Vermexio, il quale diede all’edificio un tocco spagnolo volendo unire gli stili architettonici siracusani con quelli fastosi della Spagna.
  9. Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi: all’interno del museo sono preservati i reperti archeologici ritrovati nel siracusano e nella Sicilia Orientale. Di grande importanza per il suo contenuto, è annoverato tra i musei più grandi d’Europa, per la quantità di materiale che possiede al suo interno. Suddiviso in più piani e settori conserva i reperti che vanno dall’età preistorica, all’età greca e romana.
  10. Palazzo Borgia del Casale: si tratta di uno dei più belli edifici in stile rococò d’Ortigia, edificato nel 1760 da Giuseppe Maria Borgia dei baroni del Casale.