Ogni anno la città romagnola di Imola riserva ai suoi visitatori ma anche ai suoi stessi abitanti, una manifestazione gastronomica particolare, mirata sia a promuovere le aziende vinicole ed agro alimentari del territorio, ma anche a diffondere il concetto per cui la cucina è principalmente una questione di occhio.

Tra i sensi dell’olfatto, del gusto e, perché no, anche del tatto, l’opinione personale degli imolesi è quella per cui la percezione visiva del piatto sia superiore a tutte per il fatto di avvalorare prepotentemente il piacere del palato.

Una piccola porzione di cibo, unita ad un gusto più colto per l’estetica diventa materia prima dei baccanali organizzati da questo vivace centro dell’ Emilia Romagna, già molto celebre per essere la città in cui è presente un circuito automobilistico adatto alle competizioni internazionali di formula uno.

La ricca manifestazione dedicata alla tavola, tutti gli anni è effigiata con una locandina firmata da un artista di spicco dell’arte contemporanea.

Questo anno la sua realizzazione è stata affidata alle sapienti mani del creativo spagnolo Joan Crous.

Presso Palazzo Marchi, poi, è possibile seguire un percorso di degustazione dei vini offerti dalle aziende che imbottigliano il prodotto raccolto dalle vigne coltivate sui colli delle zone limitrofe.