Più grande città della Spagna dopo la capitale, Madrid, Barcellona è ogni anno meta di numerosissimi turisti provenienti da tutto il mondo, attratti dal fascino senza tempo della città catalana che rappresenta il maggior porto commerciale e turistico della Spagna e uno dei maggiori d’Europa.

A Barcellona si ha la possibilità, percorrendo a piedi le strade, di trovare tracce della sua storia millenaria, dalle rovine romane e della città medievale fino ad arrivare ai quartieri del modernismo catalano, con i suoi edifici caratteristici, i suoi isolati quadrati, i suoi viali alberati e le sue strade larghe.

I 10 luoghi da visitare a Barcellona

  1. Sagrada Familia: consiste in una grande basilica cattolica, tuttora in costruzione, capolavoro dell’architetto Antoni Gaudí, massimo esponente del modernismo catalano. La vastità della scala del progetto e il suo stile caratteristico ne hanno fatto uno dei principali simboli della città, nonché una delle tappe obbligate del turismo di massa. Secondo i dati del 2011 è il monumento più visitato in Spagna, con 3,2 milioni di visitatori.
  2. Quadrat d’Or: si tratta di un’intera area situata nel quartiere dell’Eixample a Barcellona, dov’è possibile rimirare la maggiore concentrazione di edifici dell’architettura modernista. Il Quadrat d’or è delimitato a nord dall’Avinguda Diagonal, a sud dalle Rondas, a est dal Passeig de Saint Joan e a ovest dal Carrer Muntaner. Tra i 150 edifici modernisti racchiusi in quest’area, considerata un museo a cielo aperto, si trovano Casa Milà, detta anche La Pedrera, Casa Batllò e Casa Amatller.
  3. Cattedrale della Santa Croce e Sant’Eulalia: è la cattedrale-metropolitana di Barcellona che nel 1867 venne insignita del titolo di basilica minore. Si trova nel Barri Gòtic del capoluogo catalano ed è stata costruita in stile gotico. La cattedrale è dedicata alla santa Creu e a santa Eulalia, la patrona di Barcellona
  4. La Rambla: celebre viale di Barcellona lungo un chilometro e trecento metri che collega Plaça de Catalunya con il porto antico. La Rambla è uno dei luoghi più emblematici della città, frequentatissimo tutto l’anno sia da turisti sia dagli abitanti del luogo e ha nomi diversi nei suoi diversi tratti per cui a volte è chiamata al plurale Les Rambles in catalano e Las Ramblas in castigliano. La parola rambla deriva dall’arabo raml (sabbia) e designa, come in altre città spagnole, una strada ricavata da un corso d’acqua asciutto, interrato o coperto.
  5. Museo Picasso: il museo raccoglie una delle più vaste collezioni di opere dell’artista spagnolo Pablo Picasso, ed è uno dei più famosi e visitati musei della città. Il museo è ospitato in cinque palazzi di epoca medievale contigui tra loro, nel quartiere del Barri Gòtic. La collezione permanente del museo è costituita da oltre 4000 opere, la maggior parte delle quali risalgono alla gioventù dell’artista.
  6. Palau de la Música Catalana: sede dell’Orfeó Català, società corale della Catalogna, il palazzo è aperto ai visitatori tutto l’anno. È un importante esempio del modernismo catalano ed è stato concepito come “giardino della musica”. Dichiarato nel 1997 patrimonio dell’umanità dall’Unesco, l’edificio è situato nel quartiere di Sant Pere, accanto a Via Laietana.
  7. Museo Marittimo: situato nell’edificio dei Drassanes Reials di Barcellona, consiste in uno spazio dedicato alla cantieristica navale tra il XIII e il XVIII secolo. Edificio di stile gotico, il museo è diviso in diverse sale, ognuna dedicata a diversi tipi di reperti.
  8. Museo Nazionale dell’arte catalana: conosciuto anche con la sigla MNAC, il museo vanta una collezione di arte romanica tra le più complete del mondo. Tra questi di speciale interesse sono gli affreschi romanici trasferiti al museo direttamente da cappelle e chiese di tutta la Catalogna.
  9. Museo del cioccolato: per i più golosi, invece, non può mancare una tappa al museo dedicato al mondo del cioccolato. Ospitato nel duecentesco ex convento di Sant’Agostino della città di Barcellona, il museo organizza ogni anno un concorso internazionale per le figure di cioccolato riunendo professionisti da tutto il mondo.
  10. Parco Güell: si tratta di una delle opere dell’architetto Antoni Gaudí entrato a far parte dell’elenco dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Progettato agli inizi del Novecento, consiste in un parco pubblico con all’interno un museo a cielo aperto, visitabile tutto l’anno, e rappresenta uno dei monumenti-simbolo della città catalana.