L’Italia, lo sappiamo,  è una meta sorprendente per le vostre vacanze. Ovunque voi vogliate andare troverete scorci mozzafiato, borghi sperduti ricchi di storia e fascino, città piene di monumenti, musei e arte.

Firenze è un esempio concreto di come le città del nostro Paese possano rispondere ad ogni esigenza dei visitatori: natura, cultura, arte, buon cibo e buon vino e tutti i comfort di una grande città. Se decidete allora di trascorrere un weekend o qualche giorno a Firenze vi consigliamo 10 tappe da non perdervi. Potete percorrere questo itinerario in un solo giorno, oppure in due o in tre a seconda di quanto tempo preferite trascorrere nei vari luoghi.

10 tappe per scoprire Firenze

  1. Piazza della Signoria: partiamo dal cuore pulsante di Firenze, dal centro storico. Questa piazza racchiude alcune delle bellezze più importanti della città, a cominciare da Palazzo Vecchio, la Galleria degli Uffizi, la cattedrale Santa Maria del Fiore con la sua immensa cupola che, si diceva, coprisse tutta la Toscana con la sua ombra.
  2. Duomo e Campanile di Giotto: questi due monumenti religiosi sono anch’essi simboli di Firenze e devono essere assolutamente visti. La facciata del Duomo, in marmo bianco e verde e il Campanile sono maestosi: si può salire sul Campanile tutti i giorni e, se non soffrite di vertigini, godere di una vista bellissima. Da qui, a pochissimi passi, potrete raggiungere il Battistero di San Giovanni con la sua Porta del Paradiso, una bellezza dorata unica al mondo.
  3. Cattedrale di Santa Maria del Fiore: è un simbolo della città, nonchè una delle più famose in tutta Italia. Si distingue per grandezza visto che è la quinta più grande d’Europa. Sorge nel centro della città, quindi da qui potrete proseguire il tour di Firenze come meglio credete.
  4. Basilica di Santa Maria Novella: è una delle chiese più importanti della città e si trova nell’omonima piazza. In passato è stata un punto di riferimento per i domenicani, oggi è “semplicemente” una delle opere monumentali più importanti del Rinascimento Fiorentino.
  5. Galleria dell’Accademia: una tappa fondamentale è quella che vi porta ad ammirare il David di Michelangelo, scolpito nel momento in cui sta per affrontare Golia ed è simbolo di vittoria dell’intelligenza e del coraggio contro la mera forza bruta. In passato quest’opera era esposta in Piazza della Signoria, ora per evitare vandalismi, è stata sostituita da una copia.
  6. Ponte Vecchio: se fino alla metà del 1500 questo ponte era solamente sede di botteghe di macellai e contadini, col passare del tempo ha cambiato connotazione diventando molto chic. Quando è stato costruito il Ponte Vasariano i vecchi residenti del ponte sono stati fatti andare via e oggi i locali sono pieni di botteghe orafe.
  7. Shopping nelle botteghe d’Oltrarno: qui si che si respira il vero fascino di Firenze. Sono tantissimi gli artigiani che hanno qui le loro botteghe dove realizzano oggetti antichi e si preservano gli antichi mestieri della storia fiorentina.
  8. Giardini di Boboli: avete voglia di un tuffo nella natura? Non dovete certo andare via da Firenze per farlo, basta visitare il Giardino di Boboli affascinante e ricco di statue sorprendenti.
  9. Piazzale Michelangelo: vi spostate di poco da Firenze per raggiungere questo piazzale, posto lievemente più in alto rispetto alla città e qui la vista è mozzafiato. Potrete ammirare la bellezza dell’Arno e lo “skyline” fiorentino in tutto il suo splendore in un susseguirsi di cupole e campanili che raccontano una storia.
  10. I baracchini di lampredotto: in ultimo, per dire di essere veramente stati a Firenze potete sedervi a tavola in un ristorante e ordinare la classica fiorentina, oppure fermarvi in un localino di street food e assaggiare il panino con il lampredotto, interiora di bovino. Detto così potrebbe fare quasi impressione, ma già dal primo morso vi renderete conto della bontà di questo antico prodotto.