Città dell’amore, capitale e metropoli più popolosa della Francia con oltre 28 milioni di turisti l’anno, Parigi è la città più visitata al mondo. Ereditando la storia di un impero coloniale estesosi su cinque continenti, Parigi è considerata anche il centro del mondo francofono mantenendo una posizione internazionale di grande rilievo, sia come influente metropoli mondiale, sia come centro culturale, politico ed economico di indiscusso prestigio.

La città si trova su un’ansa della Senna, posizione molto favorevole che pone Parigi al centro dei principali itinerari commerciali terrestri e fluviali le permise di diventare una delle città più influenti della Francia. Scrigno contenente numerosi monumenti dall’incalcolabile valore storico e artistico, Parigi rappresenta il simbolo stesso della cultura francese e del suo prestigio in tutto il mondo. Ecco le 10 cose più belle da visitare durante un viaggio a Parigi.

Le 10 cose da vedere a Parigi

  1. Tour Eiffel: visitata mediamente ogni anno da circa cinque milioni e mezzo di turisti, la Torre Eiffel è il vero simbolo di Parigi. Costruita in più di due anni, dal 1887 al 1889 per l’esposizione universale del 1889 che si tenne a Parigi per celebrare il centenario dellaRivoluzione francese, prende il nome dal suo progettista, l’ingegnere Gustave Eiffel che costruì anche la struttura interna della Statua della libertà.
  2. Cattedrale di Notre Dame:  è il principale luogo di culto cattolico di Parigi, sede vescovile dell’arcidiocesi di Parigi, il cui arcivescovo metropolita è anche primate di Francia. La cattedrale, ubicata nella parte orientale dell’Île de la Cité, nel cuore della capitale francese, nella piazza omonima, rappresenta una delle costruzioni gotiche più celebri del mondo ed è uno dei monumenti più visitati di Parigi.
  3. Louvre: situato sulla rive droite, nel I arrondissement, tra la Senna e Rue de Rivoli, il Louvre è probabilmente il museo più famoso del mondo. Attualmente la collezione del museo comprende alcune delle più famose opere d’arte del mondo, come la Gioconda e la Vergine delle Rocce di Leonardo da Vinci, i due Prigioni di Michelangelo Buonarroti, Amore e Psiche di Antonio Canova, Il giuramento degli Orazi di Jacques-Louis David, La zattera della Medusa di Théodore Géricault, La Libertà che guida il popolo di Eugène Delacroix, la Venere di Milo e la Nike di Samotracia.
  4. Moulin Rouge: situato nel famoso quartiere a luci rosse di Pigalle, al XVIII arrondissement di Parigi, vicino a Montmartre è uno dei più famosi locali di Parigi, inaugurato il 6 ottobre 1889 da Charles Zidler. Celebre per essere stato il vero protagonista di uno dei film musicali più amati dell’ultimo ventennio, il Moulin Rouge ebbe un incredibile successo specialmente per il repertorio di danze e spettacoli, fra cui il celeberrimo can-can, ballo decisamente rivoluzionario per quei tempi, che insieme alle altre attività svolte nell’edificio venne ritenuto licenziosio dall’opinione pubblica e che ebbe, nel 1898, un ritrattista d’eccezione come Henry de Toulouse-Lautrec, assiduo frequentatore dei quartieri di Pigalle e Montmartre.
  5. Basilica del Sacro Cuore: si tratta di uno dei luoghi più famosi di Parigi e rappresenta una basilica cattolica, dedicata al Sacro Cuore che insieme al Vittoriano di Roma è il monumento più bianco d’Europa. La sua pietra calcarea, infatti, ha la caratteristica di non trattenere polvere e smog, così dopo ogni pioggia il “Sacré-Cœur” risulta ancora più splendente.
  6. Montmartre: noto per essere stato il centro della vita bohémienne durante la Belle Époque, il quartiere di Montmartre è ancora oggi uno dei luoghi più visitati di Parigi, luogo prediletto da vari pittori, tra cui Pissarro, Toulouse-Lautrec, Steinlen, Van Gogh, Modigliani e Picasso. Tra le varie attrazioni di Montmartre spiccano Place du Tertre, ritrovo degli artisti di strada, la già citata Basilica del Sacro Cuore, il Cimitero di Montmartre, che ospita tra le altre le tombe di Stendhal, Dumas figlio, Truffaut, Degas, Foucault, il Moulin Rouge, il Moulin de la Galette, la Bonne Franquette e la Vigna di Montmarte, l’unica dell’intera capitale.
  7. Museo d’Orsay: celebre per i numerosi capolavori dell’impressionismo e del post-impressionismo esposti al suo interno, è situato di fronte al Louvre, in una ex-stazione ferroviaria costruita in stile eclettico alla fine dell’Ottocento, il museo d’Orsay espone opere d’arte create tra il 1848 e il 1914 e le sue collezioni comprendono pitture, sculture, oggetti d’arti decorative, fotografie, medaglie, disegni e stampe.
  8. Reggia di Versailles: antica residenza reale dei Borbone di Francia, la città di Versailles, nata dalla scelta di questo luogo da parte del giovane Luigi XIV per allontanarsi dalla capitale e dai suoi cittadini, temuti e considerati difficili da tenere sotto controllo, dopo l’episodio della Fronda, costituisce oggi un comune autonomo situato nel dipartimento delle Yvelines, in Francia.
  9. Castello di Fontainebleau: castello rinascimentale situato a Fontainebleau, il sito è stato dimora dei sovrani di Francia da Francesco I a Napoleone III. La struttura riflette ancora oggi nella sua complessità le varie epoche in cui è stato abitato e si presenta contornato da una lunga serie di splendidi giardini.
  10. Disneyland Paris: le bellezze di Parigi non si limitano all’arte e all’architettura. Uno dei parchi divertimento più famosi d’Europa, infatti, è situato a Marne-la-Vallée, a 32 km Est di Parigi, formato da due parchi a tema Disney, Disneyland park e Walt Disney Studios park, un Disney Village, un campo da golf e una serie di hotel. Ogni anno milioni di turisti si recano nel parco tematico per divertirsi grazie alle splendide attrazioni che arricchiscono Disneyland, animato ogni giorno dai pupazzi formato gigante dei più famosi e amati personaggi dei cartoni animati.