Il Lago d’Orta è tra i laghi più romantici che abbiamo mai visitato, così come la gita all’isoletta San Giulio situata a circa 400 metri dalla riva.
Siamo andati ad Orta a fine estate sfruttando la bella giornata di sole: da Milano alla località turistica ci abbiamo messo in macchina circa un’oretta.
Abbiamo lasciato la macchina in un parcheggio prima di arrivare al centro, perchè è interamente zona pedonale, e ci siamo incamminati a piedi lungo una discesa che ci ha portati dritti in paese.
Orta è una cittadina pittoresca fatta di viette strette e molto caratteristiche, alcune delle quali portano in riva al lago. Piazza Motta, la principale del paese, è un vero e proprio salotto all’aperto affacciato sul lago: è quasi d’obbligo concedersi un drink godendo il meraviglioso panorama.
Di fronte al broletto, il Palazzo della Comunità della Riviera di San Giulio, abbiamo intrapreso una strada in salita interamente pavimentata con sassi. La via, chiamata “Motta” porta alla parrocchia Santa Maria Assunta, ed è fiancheggiata da case antiche e palazzi storici risalenti al Sedicesimo secolo.
Verso mezzogiorno abbiamo preso un traghetto che ci ha portati all’Isola di San Giulio, occupata quasi interamente da un monastero. Abbiamo percorso tutto il perimetro a piedi, un percorso di meditazione caratterizzato da cartelli con sopra incise frasi della badessa del monastero ispirate al silenzio e al ritrovo dell’armonia interiore.
Abbiamo poi pranzato nell’unico ristorante dell’isola, dove abbiamo gustato buon pesce ammirando un panorama davvero mozzafiato e siamo ritornati a Orta, prendendo la via del ritorno.

photo credit: Frans & all via photopin cc