La piazza è un luogo fisico all’interno di una città, ma la sua valenza non si limita ad essere quella di centro geografico del paese o del borgo. Un tempo nelle piazze si svolgevano i mercati, venivano fatte le fiere, venivano letti bandi pubblici, punite persone con la gogna… insomma. La piazza era il cuore pulsante di tutta la città.

In Spagna esistono molte piazze bellissime che, circondate da locali, negozi, boutique, ricordano un po’ quello che era l’antico splendore e valenza commerciale di queste zone. Tra tutte, un di queste piazze nel 2017 festeggia quattro secoli di vita: “Plaza Mayor” a Madrid. Per celebrarla al meglio durante tutto l’anno sono state organizzate feste, concerti, spettacoli, eventi legati alla cucina e all’enogastronomia… Approfittando di questo spunto però possiamo andare a vedere, in Spagna, quali sono le cinque piazze più belle e storiche che meritano di essere viste almeno una volta nella vita.

Le piazze più belle di tutta la Spagna

  • Plaza Mayor, Madrid: non si può che partire proprio da lei, la festeggiata! Progettata nel 1617 da Juan Gomez de Mora venne realizzata in soli tre anni sui resti dell’antica Plaza del Arrabal. Oggi la piazza è diforma rettangolare, circondata da portici e si alza su tre piani. Al centro troviamo la statua di Filippo III, trionfante e a cavallo. Nel corso degli anni, come ovvio, Plaza Mayor ha assistito a qualsiasi evento di rilievo per Madrid, da quelli meramente ludici a quelli più politicamente impegnativi.
  • Plaza Obradoiro, Santiago: è una meta molto ambita perchè è il simbolo della fine del pellegrinaggio chiamato appunto “Cammino di Santiago”. Qui l’imponente cattedrale di Santiago de Compostela accoglie tutti i viaggiatori, ma non è l’unica bellezza di questa piazza. Sul lato opposto infatti troviamo il Colegio San Xerome, il municipio della città e il Parador Hostal de los Reyes Catolicos. Se passate da qui non stupitevi nel vedere decine di persone sedute a terra, con aria sconvolta ad ammirare la cattedrale: è una sorta di rito che tutti i pellegrini fanno.
  • Placa Reial, Barcellona: vero e proprio simbolo della poliedrica città di Barcellona, questa piazza è circondata da palme e palazzi dell’Ottocento dove turisti e cittadini si riparano per cercare ombra. Tutto intorno al perimetro della piazza ci sono piccoli bar e luoghi di ristoro con dei lampioni progettati da Gaudì alla fine dell’800 quando aveva appena iniziato la sua carriera; la piazza, in stile neoclassico, è sempre affollata visto che è proprio accanto alla Ramblas, e al centro svetta la fontana con le “Tre Grazie”.
  • Plaza Espana, Siviglia: considerata una delle aree architettonicamente più interessanti di tutta la città, questa piazza è monumentale e realizzata in perfetto stile neorinascimentale, è famosissima per essere interamente decorata da ceramiche  e marmo. È stata progettata nel 1914 da Annibale Gonzalez ed è di forma semicircolare: il suo significato simbolico pare essere quello di un metaforico abbraccio tra la Spagna e le sue antiche colonie, ma con lo sguardo puntato verso il futuro. Girovagando nella città si possono trovare infatti i simboli di 48 province spagnole.
  • Plaza Mayor, Salamanca: a chiusura di questa top 5 delle piazze più belle della Spagna troviamo questa perla rara con i suoi 88 archi barocchi. Questa piazza ha molte particolarità a partire dal pavimento di granito rosa e girgio che sembra quasi un salotto di un appartemento elegante. Una vera e propria tradizione se vi trovate in questo luogo è quella di aspettare il tramonto e fare un aperitivo qui ammirando lo spettacolo di luci e colori che sembrano danzare sulla facciata dei palazzi.