Siamo oramai agli sgoccioli di questa estate che, come ogni anno, ha visto la Sardegna ai primi posti per bellezza delle acque e delle località balneari.

Per un “tuffo” ancora nelle acque cristalline della Sardegna, ripercorriamo le spiagge più belle e meno note di questa incantevole regione.

Cala domestica

Sabbia mista e scogli sparsi. E’circondata da falesie di rocce. Una galleria porta alla caletta una piccola spiaggia, più riparata dove sorge la foce di un torrente.

Cala perdiscedda

Vicino al centro abitato di Portixeddu ha due sezioni, Manna e Piddica, separate da una scogliera. L’arenile è di piccole pietre tondeggianti (le perdiscedde in dialetto sardo) bianche e grigie, i fondali sono profondi e rocciosi.

Capo pecora

A Buggerru, di sabbia chiara a grani grossi, chiusa da uno strapiombo a picco sul mare.

Piscinas

Si tratta di una spiaggia isolata e di bellezza unica, è circondata per alcuni chilometri da dune altissime, dal colore giallo ocra, modellate dal vento.

Porto flavia

Ha un fondo di ghiaia con scogli e rocce, l’arenile è molto ampio e sovrastato da una bellissima pineta, ideale per la famiglia.

Torre dei corsari

Si trova nell’omonima località, è una lunga spiaggia di 1,5 chilometri di sabbia giallo ocra, caratteristico della regione. La spiaggia è orlata da alte dune circondata da colline fitte di macchia mediterranea.