Da che mondo e mondo una libreria di viaggi ha suscitato la fantasia di artisti e appassionati, si tratta di un luogo quasi magico, una sorta di enclave che nasconde i segreti delle possibilità di viaggio.

Tra le riproduzioni cinematografiche più famose di questi luoghi c’è sicuramente quella londinese immortalata nel film “Notting Hill”.

Rischia di scomparire così la libreria di viaggi  teatro dell’amore cinematografico fra il timido libraio impersonato da Hugh Grant e la bella attrice Julia Roberts.

Se  non si troverà un compratore entrola prima settimana di settembre, il celebre «Travel Bookshop», che fece da sfondo al film di Roger Michell del 1999, chiuderà per sempre i battenti, lasciando così orfani i lettori del quartiere bom-chic di Londra.

A darne l’annuncio sulle pagine di Twitter lo stesso proprietario della libreria che ha lanciato un appello accorato per cercare di evitare la chiusura.

La notizia ha smosso il panorama culturale inglese e la stessa poetessa Olivia Cole che in quei locali ci ha lavorato spesso e sognato altrettanto.

La Cole ha deciso di mobilitarsi per salvare lo storico indirizzo: come riporta infatti il Daily Telegraph, la poetessa e i suoi colleghi si sono detti disposti a lavorare gratuitamente un giorno a settimana per abbassare i costi di gestione ed attirare così un potenziale acquirente.