Per chi ama sciare Livigno è una località conosciuta, per quei pochi che ancora non lo sapessero, si trova tra l’Italia e la Svizzera a 1.816 metri sul livello del mare, ottimamente collegata con il resto dell’Italia, il Livigno Express parte da Milano Malpensa, da Orio al Serio, in provincia di Bergamo, e dall’aeroporto di Innsbruck, che offre fra l’altro una promozione davvero speciale, un’escursione in Engadina, viaggiando sul Trenino Rosso, patrimonio mondiale dell’Unesco dal 2008. La stagione sciistica a Livigno partirà ufficialmente a fine novembre, incastonato tra cime che superano i tre mila metri, con la possibilità di raggiungere facilmente la frazione di Trepalle, il centro abitato più alto d’Europa che si trova a 2.250 metri d’altezza.

Ed è proprio in questa località che ogni anno viene installato uno degli snowpark più grandi d’Europa, in cui si esibiscono i migliori snowboarder provenienti da tutto il mondo. Gli abitanti sono in tutto seimila, sempre molto ben disposti verso i turisti, saper accogliere chiunque dalle sponde dello Spöl è nel loro DNA.

Per chi fosse già stato a Livigno, ricorderà le lunghe code agli impianti di risalita, adesso sono solo un lontano ricordo, le piste sono perfette sia per gli sciatori che per chi pratica lo snowboard, che potranno contare sull’half pipe artificiale. Per chi preferisce lo sci di fondo proprio a Livigno trova la perfezione, piste che si snodano per 50 chilometri, strutturate ad anelli, che è meta degli allenamenti dei partecipanti Sgambeda che si svolgerà dal 14 al 18 dicembre.

Ma Livigno accontenta proprio tutti, gli appassionati di pattininaggio sul ghiaccio, motoslitta, parapendio, per chi ama i paesaggi nevosi ma non è interessanto più di tanto a sciare, percorrendo solo pochi chilometri, potrà arrivare alle Terme di Bormio, e può stare tranquillo che si rilasserà.

Fra una sciata e uno slalom, o una bella pista di sci di fondo, può anche dedicarsi allo shopping, i prezzi nei negozi di Livigno sono davvero molto vantaggiosi, perché è ancora una zona extra doganale che risale al Cinquecento. Ma c’è anche la possibilità di assaggiare la vera cucina valtellinese, gustosissimi pizzoccheri o vera bresaola, e cosa dire del gusto che si prova bere una cioccolata calda senza pagare l’Iva, una soddisfazione incredivile.

Ogni visita a Livigno deve necessariamente concludersi alla Latteria di Livigno, è quasi un dovere fermarsi per degustare le delizie artigianali, fra cui il gelato fatto rispettando una tradizione secolare. In buona sostanza, puoi fare quello che vuoi, 100 chilometri di piste, trenta impianti di risalita, rifugi e ristoranti per tutti i gusti e tutte le tasche.