Tra le meravigliose regioni che l’Italia può vantare in tutto il mondo, la Lombardia è una delle zone più ricca di arte e cultura dell’intero Paese. Le prime testimonianze artistiche in Lombardia risalgono al periodo Mesolitico, quando successivamente alla conclusione della glaciazione Würmiana ha inizio il ciclo istoriativo delle Incisioni rupestri della Val Camonica, che proseguirà e si amplierà successivamente nel Neolitico e nell’Età del rame per concludersi solo in epoca romana e medievale. La storia camuna è infatti molto importante per le origini della Lombardia il cui stemma è ispirato alla rosa camuna, che nel simbolo è di colore bianco su sfondo verde. Ma cosa vedere in Lombardia? Qui di seguito troverete alcune importanti indicazioni.

Le città più belle della Lombardia

La Lombardia vanta alcune delle città più belle d’Italia, non solo per via dell’incredibile storia che conservano, ma anche per i numerosi musei, monumenti e palazzi custoditi tra le mura delle più importanti metropoli lombarde. Prima tra tutte è Milano, il capoluogo della regione e secondo comune italiano per numero di abitanti, che oltre al famosissimo Duomo è ricca di musei e gallerie d’arte: il più famoso è la pinacoteca di Brera che assieme al museo Poldi Pezzoli e alla pinacoteca Ambrosiana costituisce la rete delle più famose gallerie d’arte milanesi. Un altro notevole circuito di musei è formato dalle case museo milanesi. La Triennale di Milano, sede di esposizioni di arte moderna forma con il PAC le sedi espositive per l’arte moderna a Milano. A questi vanno aggiunti i musei a carattere scientifico, il Planetario di Milano e l’Osservatorio astronomico di Brera, nonché le decine di musei minori, come i musei del Castello Sforzesco. Altra importante città della Lombardia è Monza, ricca di luoghi caratteristici come San Gerardino, il Mulino Colombo, Ponte dei Leoni, via Lambro e la Torre Viscontea. Importante è anche la città di Bergamo, divisa in due parti distinte: la Città Alta, con un centro storico cinto da mura, che costituisce la parte in altitudine più elevata, e la Città Bassa, la quale, nonostante sia anch’essa di origine antica e conservi i suoi borghi storici, è stata resa in parte più moderna da interventi recenti di urbanizzazione. Brescia, invece, è il secondo comune della regione per popolazione dopo Milano e il cospicuo patrimonio artistico e l’importante eredità archeologica che costituiscono il suo centro storico sono composti da diversi monumenti, che spaziano dall’età antica a quella contemporanea, alcuni dei quali sono d’importanza mondiale come l’area monumentale del Foro romano che costituisce il complesso archeologico in cui sono presenti i maggiori e meglio conservati edifici pubblici di epoca romana esistenti nell’Italia settentrionale.

I laghi della Lombardia

Oltre alle già citate zone pianeggianti e alle splendide città che fanno della Lombardia un vero gioiello d’architettura e di arte, la regione è anche ricca di numerosi laghi che risultano tra i più visitati d’Italia. Tra i principali troviamo il lago di Garda, di origine glaciale, che è il più grande d’Italia con una superficie di 370 km², profondo 346 m e ha una lunghezza di 51,6 km. La grande quantità d’acqua del lago ha effetti significativi sul clima locale a tal punto che si coltivano l’ulivo, i limoni e i cedri, tipici del clima mediterraneo. Secondo è il lago Maggiore, con una superficie di 212 km², e il lago di Como, chiamato anche Lario, caratterizzato da una forma a Y rovesciata, con la punta di Bellagio che segna la separazione in due rami. Tra gli altri sono da segnalare il lago d’Iseo, dalla forma a S con una superficie di 65,3 km², il lago di Lugano, che entra in Lombardia a Porto Ceresio, Valsolda e Porlezza, e il lago di Varese, con una superficie di circa 14,9 km².

Cosa vedere in Lombardia: suggerimenti utili

Tra le bellezze naturali vanno annoverati al primo posto i laghi prealpini sulle cui sponde ville patrizie, orti, giardini, terrazze e borghi antichi si alternano a fitti nuclei di seconde case. Sa segnalare in particolare zone come quella di Villa d’Este a Cernobbio e tutte le altre ville del comasco che ospitano personaggi famosi in tutto il mondo come star del cinema, scrittori, cantanti e stilistiAltri importanti flussi turistici interessano le vallate alpine, in particolare la Valtellinae le numerose città storico-artistiche, ricche di monumenti e di testimonianze del Medioevo e del Rinascimento. Tra i luoghi maggiormente visitati bisogna ricordare la Pinacoteca di Brera, l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci, il Museo Archeologico di Sirmione con le Grotte di Catullo, il Castello Scaligero e Villa Carlotta.