La salute è la cosa più importante che possediamo e va preservata anche in vacanza. Ci sono delle differenze tra uomini e donne anche nel modo, nei tempi e nelle tipologie di malattie che si possono contrarre in giro per il mondo.

Per lei disturbi di intestino, raffreddore e infezione delle vie urinarie. Per lui malattie sessualmente trasmesse, febbre e mal di montagna.

A dimostrare che esistono queste differenza a seconda del genere è l’Università di Zurigo che ha condotto una ricerca su circa 59 mila persone.

Lo studio è stato successivamente pubblicato sulla rivista “Clinical Infectious Dideases”, e si basa sui dati raccolt dal 1997 al 2007 da 22 cliniche specializzate in malattie da viaggio.

Dallo studio è emerso che un quarto delle viaggiatrici ha sofferto di dissenteria acuta (contro il 23% dei maschi) mentre gli uomini sono caduti più spesso vittime di febbre, malattia della montagna, malaria e dengue ( una malattia che come la malaria è veicolata dalla zanzara).

I maschietti tuttavia soffrono ancora in percentuali più elevate di malattie sessualmente trasmissibili.

La ricerca da anche una spiegazione a queste differenza: in primis lo stile di vita, ma anche la sudorazione dell’uomo che è molto più accentuata di quella della donna. E’questo il motivo per cui attira con più facilità gli insetti, veicolo di malattie.