Città brasiliana e capitale dello Stato di Amazonas, Manaus è situata sulla riva del Rio Negro vicino alla confluenza con il Rio delle Amazzoni ed è conosciuta in tutto il mondo per essere un importante porto e centro di snodo per il sistema fluviale della regione. La sua posizione favorevole, inoltre, fa sì che Manaus sia anche riconosciuta come un punto comune da cui i turisti partono per visitare la Foresta Amazzonica. La città è anche un centro importante per il turismo ecologico: una delle attrazioni più conosciute è la spiaggia di Ponta Negra, sirìtuata a 13 km di distanza dalla città e caratterizzata dalla presenza del fiume il cui colore scuro contrasta con il biancore abbagliante della sabbia.

Cosa vedere a Manaus

Grazie alla sua vicinanza alla foresta amazzonica Manaus attrae un gran numero di turisti provenienti da altre parti del Brasile e da altre nazioni. Un importante monumento della città è il Teatro Amazonas, costruito nel 1896. A soli 18 chilometri di distanza, invece, sarà possibile visitare la già citata spiaggia di Ponta Negra, caratterizzata dalla vitale attività notturna e dallo zoo e serra di orchidee. Il complesso possiede anche numerosi campi da gioco di pallavolo, bar, ristoranti e snack bar. A circa 34 km da Manaus, invece, si trova la Spiaggia di Tupé, frequentata da bagnanti durante le festività e accessibile solo arrivandoci a bordo di un’imbarcazione barca. Ultima ma non meno degna di visita è la Spiaggia della Luna che si trova sul lato sinistro del Rio Negro, a 23 km da Manaus. Anch’essa è accessibile solo tramite barca e deve il suo nome alla forma di una luna crescente che la caratterizza, abbellita da una vasta vegetazione e da banchi di sabbia bianca.

La città, inoltre, è caratterizzata dalla presenza di un vecchio mercato, Adolpho Lisboa, fondato nel 1882: in questo luogo è possibile acquistare frutta, verdura e pesce. Manaus possiede diversi parchi con grandi aree dove la foresta viene preservata, come il Bosque da Ciência e Parque do Mindú, creato nel 1992 come area di interesse ecologico e capace di utilizzare un’area di 330.000 m² di foresta per scopi scientifici, educativi, culturali e per attività turistiche.