Sono ormai 20 anni che il mercatino di Natale di Trento riesce a portare la città al centro degli itinerari natalizi di numerosi turisti, che volendo passare un bel Natale tra la neve non sdegnano una visita alla città più contesa della storia italiana nonché la più suggestiva tra quelle alpine.

La città che è divenuta ormai il punto di incontro cardine tra la cultura italiana e quella tedesca ospita nel suo mercatino più di 500.000 visitatori ogni anno vendendo più di 600 confezioni regalo.

Questi sono i numeri dello scorso Natale, cosa che tutti i fieristi quest’anno cercheranno di aumentare in modo che la città acquisisca sempre più lustro, come spetta ad un luogo incantevole nelle Alpi, dove il visitatore può perdersi tra sogno e realtà.
La stessa tradizione del “Christkindlmarkt”, le cui origini sono tracciabili nel XIV secolo in Germania con i “Mercatini di Santa Klaus”, rivive nella prima città italiana dopo il Brennero, ultima ad essere annessa alla nazione italica in virtù di quella che fu per noi la Quarta Guerra di Indipendenza, cioè la Prima Guerra Mondiale.

Più che in ogni altra realtà italiana la tradizione che porta alla figura di Santa Klaus, ovvero quello che in Italia chiamiamo Babbo Natale, ha radici molto profonde in questi luoghi, tanto che la stessa nascita di Gesù Bambino viene quasi messa in secondo piano rispetto alla tradizione del vecchietto simpatico che porta i doni.

Per far rivivere tutta la magia di Natale sia ai più grandi che ai bambini il mercatino di Trento è la meta più indicata, è bene quindi organizzarsi per passarvi almeno un week end nel periodo che va da fine novembre all’Epifania.

In questi mercatini si possono trovare le cose più graziose e più tipiche del Natale, come il vin brulè, i dolci fatti in casa, i panettoni, i pandori, i torroni e tutte le altre golosità. Non dimentichiamoci poi le caldarroste, cioè le castagne arrostite sul fuoco che segnano il vero spirito del Natale e sono oltre che buonissime da mangiare ideali per riscaldarsi le mani.

A cura di Christian Vannozzi

photo credit: zamboni.andrea via photopin cc