Come tutte le altre regioni italiane, anche la Basilicata non poteva mancare con i suoi mercatini di Natale, occasione ghiotta per mostrare tutto ciò che di bello può avere una regione che passa spesso nell’anonimato ma che in realtà ha molti tesori sia artistici che naturali, nonché alimentari e legati alla cultura e tradizioni del luogo.

I mercatini di Natale sono allestiti in diversi comuni e sono l’ideale per passare weekend piacevoli in compagnia della nostra famiglia e dei nostri bambini. Inoltre se si è ancora indecisi sui regali da fare a uno di questi mercatini troverete sena dubbio un oggetto carino e originale da poter mettere sotto l’albero.

Potenza offre il suo mercatino tipico dal 7 al 23 dicembre nella splendida cornice del suo centro storico. Gli alberi addobbati, le luminarie e tutte le altre decorazioni che invadono il luogo rendono il mercatino di Natale il luogo ideale e dove poter respirare lo spirito di questa festa e dove passare una giornata piacevole con i nostri bambini che rimarranno colpiti dalle luci e soprattutto dai giocattoli che vi possono trovare. Tra vicoli, piazze e viuzze si possono gustare i prodotti culinari della zona e comprare regali artigianali e giocattolini d’altri tempi per i nostri figli.

Dal 12 al 15 dicembre viene allestito un mercatino natalizio anche a Genzano di Lucania, sempre nel centro storico, in una splendida cornice da borgo medievale che ben si adatta a una festività come il Natale. Qui vengono allestite delle vere e proprie casette di legno che rendono il paese quasi un villaggio natalizio in stile nordico, ma all’interno si possono gustare i prodotti locali, bere del buon vino e mangiare dolci tipici della tradizione natalizia lucana.

Nella nostra visita ai mercatini natalizi della Basilicata non poteva mancare Matera, che offre forse lo spettacolo più tipico del Natale italico, dal 26 dicembre al 6 gennaio la manifestazione ‘Grande Presepe Vivente dei Sassi di Matera‘ che invade tutte le piazze del centro storico della città.

A cura di Christian Vannozzi

photo credit: Bert Kaufmann via photopin cc