Anche le Marche, come le altre regioni della penisola, si sono ormai preparate al Natale con i propri mercatini che colorano l’atmosfera nel periodo natalizio. Questi mercatini, oltre a essere un’occasione gioiosa che rende più piacevole uscire di casa, nonostante le temperature non certo calde, offrono la possibilità agli agricoltori e agli artigiani di vendere i loro prodotti, e agli acquirenti di poter trovare regali che non sarebbero mai venuti in mente nei centri commerciali, creando delle idee innovative per i pensierini da mettere sotto l’albero.

Dall’ultima domenica di novembre al 6 gennaio diversi paesini, costieri e appenninici, allestiscono i loro mercatini allietando le giornate di numerosi turisti che colgono quest’occasione alla ricerca di qualche idea regalo originale.

A Candelara di Pesaro entrano in scena le candele. Si tratta infatti di una vera e propria festa delle candele. Ci saranno migliaia di lumi di ogni colori e dimensione, anche perché all’intero paesino alle 17.30 di ogni giorno verrà tolta la corrente e saranno proprio le sole candele a dargli luce, proprio come accadeva nel periodo medievale. Il tutto renderà l’atmosfera ancora più carina e suggestiva. Inoltre ci sono banchi con specialità culinarie, castagne, dolci, vin brulè accompagnati da piccoli spettacoli e intrattenimenti per i più piccoli.

Sant’Agata Feltria ospita, invece, l’attesissimo mercatino dal nome ‘Il Paese di Natale’, ispirato ai tradizionali mercatini del Nord Europa, i Christkindlmarkt, dove poter trovare tutti i prodotti tipici del luogo in graziosissimi banchi tutti addobbati con luminarie natalizie che verranno allestiti lungo la via principale. Sarà un’occasione anche per gustare il tipico formaggio di Fossa.

Per gli amanti dei presepi imperdibile è la manifestazione ‘Presepi da tutta Italia’ che si svolgerà a Sant’Angelo in Pontano, dove nella chiesa del S.S. Salvatore verranno esposti 50 tra i presepi più belli d’Italia e d’Europa, per far rivivere il vero senso del Natale, e cioè la nascita del Cristo.

A cura di Christian Vannozzi

photo credit: gigi 62 via photopin cc