La Svizzera è famosa essenzialmente per tre cose: il cioccolato, la precisione e le banche. Nell’immaginario collettivo, ad esempio, città come Zurigo sono sedi esclusive di banche popolate da perfidi manager, aziende di orologi e favolose fabbriche di cioccolata (guardate qui dove comprare il miglior cioccolato svizzero), professionisti della moneta, del tempo e della dolcezza.

In realtà, invece, Zurigo è molto di più e uno dei periodi più adatti per scoprirla è proprio il Natale, quando la città viene invasa da migliaia di lucine, ad ogni angolo campeggiano vistosi abeti addobbati e l’aria è intrisa di cannella e vin brulè. Visitarla per un weekend è già sufficiente per un assaggio delle sue stradine colorate, una visita nel suo favoloso museo d’arte contemporanea e un assaggio delle specialità culinarie del posto.

Ecco qualche suggerimento per una visita della città:

- bellissimo da visitare è il Mercatino di Natale indoor più grande d’Europa: situato nella stazione centrale (Hauptbahnhof) di Zurigo ospita 150 bancarelle decorate, fonte d’ispirazione per numerose idee regalo. In mezzo all’atrio poi, campeggia un grande albero di Natale decorato con circa 7000 gemme di cristallo che incanta grandi e piccini ed è anche uno dei più apprezzati soggetti fotografici a Zurigo durante il periodo prenatalizio.

- The Singing Christmas: un albero di circa 10 metri si popola di piccoli folletti rossi. Sono in realtà dei simpaticissimi bimbi vestiti da Babbo Natale che deliziano i passanti con le loro voci bianche. I concerti iniziano alle 17.30/18.30 (il programma esatto viene pubblicato sul sito del “Singing Christmas Tree”).

DSCF0377 (Medium)

- Il centro storico è caratterizzato da fortezze, torri, sontuosi palazzi e dalla Zytturm, la torre dell’orologio, simbolo della città fondata dai Kyburg. Molteplici ristoranti di specialità gastronomiche deliziano i palati più fini, mentre i due laghi invogliano ad intraprendere amene crociere in battello.

Zurigo

- Il Kunsthaus: importante galleria d’arte, dal 4 ottobre 2013 al 12 gennaio 2014, ospiterà la mostra “Edvard Munch – Meisterblätter 1894-1944”, con circa 150 opere di proprietà privata, tra cui capolavori come “L’urlo” (venduto recentemente all’asta ad una cifra esorbitante), “Madonna”, “Malinconia” e “Il peccato”. A prescindere dalla mostra temporanea, il museo merita una visita con le sue favolose collezioni

- Il Zürcher Geschnetzelte: se non siete una buona forchetta, lo diventerete dopo aver assaggiato la più celebre delle specialità, lo spezzatino alla zurighese con i rösti di patate al burro. Un piatto classico a base di carne di vitello e patate grattugiate è particolarmente buono nella tradizionale casa delle corporazioni. Un consiglio? Assaggiatelo al Zunfthaus-Zimmerleuten, ne vale la pena! ;)

Rosti, traditional swiss fried potato with meat strips

Qui trovate tante altre informazioni su Zurigo.

Un ringraziamento a Swiss International Air Lines e a Zurigo Turismo per l’ospitalità in questa splendida città.