Al contrario di quanto si possa immaginare, essendo una compagnia aerea low cost, la Easyjet non ha grandissimi restrizioni sul bagaglio a mano, e si avvicina molto a quelle delle compagnie di bandiera. Per non correre il rischio di dover però pagare un surplus in caso di mancato rispetto delle procedure di imbarco per le misure bagaglio a mano Easyjet, in questa guida vi elencheremo i parametri da rispettare.

Il bagaglio a mano Easyjet che si può portare in aereo è uno solo, se si possiedono netbook, macchine fotografiche o borsette si dovranno quindi inserire nel trolley o nello zaino che si porterà a bordo. Fanno eccezione, e quindi esulano dal bagaglio a mano le sciarpe, gli ombrelli e i sacchetti contenenti merci acquistate all’aeroporto (di dimensione standard) che non vengono annoverate nel bagaglio a mano (per info su Easyjet cliccate qui).

La grandezza del bagaglio a mano non può superare le grandezza standard di 56 x 45 x 25 cm, in cui sono comprese anche le tasche e  le ruote. la grandezza calcolata serve affinché il bagaglio possa entrare tranquillamente negli appositi contenitori della cabina passeggeri. Se si hanno più bagagli quelli oltre il primo verranno imbarcati nella stiva pagando un supplemento di 30,00 euro per ogni collo (per altre info su Easyjet cliccate qui).

Quando si viaggia con le compagnie low cost è bene quindi sapere che per risparmiare occorre viaggiare con poco bagaglio, altrimenti si rischia di spendere quanto una compagnia di bandiera. Per quanto riguarda invece il peso del bagaglio a mano, questo non è stabilito in maniera esplicita, si deve però tener conto che non deve essere molto pesante e deve poter essere riposto senza problemi nella cappelliera. L’unica indicazione fornita da Easyjet è che il peso deve essere ‘ragionevole’ (per ulteriori info su Easyjet cliccate qui).

photo credit: Luccio.errera via photopin cc