La prima città della Brianza, Monza, che dista solo quindici chilometri dal capoluogo di provincia lombardo, centro nevralgico del mondo lavorativo di tutta la regione, differisce dalla vicina metropoli per la sua dimensione a misura d’uomo ed al contempo gode del collegamento garantito dai voli su Milano.

Bagnata dalle acque del Lambro, Monza ha origini antichissime, tanto che alcuni scavi archeologici hanno portato alla luce alcune testimonianze dell’età del Ferro, ed altre successive che si riferiscono alla presenza di alcune popolazioni celtiche mescolate ad altre di  ceppo gallico, alla cui unione si devono i primi insediamenti.

Le popolazioni ormai divenute autoctone furono colonizzate da Cesare durante le campagne espansionistiche ed è in epoca romana che si fa risalire la nascita del suo nome (Maguntia o Modicia).

Ma la sua età dell’oro arrivò durante il medioevo, soprattutto con i Longobardi.

Monza è nota anche per il cavallino rampante e per essere la sede di uno tra gli autodromi più celebri di Italia.

Costruito negli anni venti il circuito automobilistico di Monza sorge all’interno del Parco monzese, una volta riserva di caccia di Napoleone.

Durante una passeggiata nel grazioso centro cittadino si potrà ammirare il Duomo assaggiando un po’ di tradizionale Pan Tranvai all’uvetta, così chiamato perché cento anni fa costava davvero poco: come il resto di un biglietto del tram.