Zanzibar è una delle città della Repubblica della Tanzania più conosciute e più importanti, composta dalla due isole , Unguja e Pemba, e altre isole più piccole. Il suo nome deriva dal persiano con cui i persiani indicavano le persone di colore. E’ un posto che basa sul turismo uno delle principali voce sull’economia del paese, infatti Zanzibar è conosciutissima nel mondo, per essere un arcipelago molto bello. E’ un posto anche molto bello da visitare al di la delle sue spiaggia e dei suoi paesaggi. Il suo centro storico, chiamato anche Stone Town, è stato dichiarato patrimonio dell’umanità UNESCO.

La Stone Town è il centro storico della città, ed è sicuramente la zona più interessante della città. Le vie sono molto carine, con diverse moschee da visitare, tanti luoghi dove fare shopping, e tanti bazar, e questo è anche uno dei quartieri più visitate dai turisti. Vicino alla Stone Town a circa 20 minuti, è presente anche la bellissima spiaggia di Mangapwani, una spiaggia circondata da una rigogliosa vegetazione, con bellissimi alberi, ed è un posto molto piacevole dove poter fare il bagno, e dover rilassarsi. Una visita merita anche la zona di Changu, che anni fa era un posto di detenzione, e che ora è diventato un posto dove vivono le tartarughe giganti.

A Zanzibar si mangia anche abbastanza bene. Sia mangiano tanti piatti tipici del posto, nei tanti ristoranti disseminati in città. In questi ristoranti si mangiano sia piatti locali che piatti internazionali. Uno dei piatti tipici è il boku-boku, un piatto molto saporito in quanto vengono usate molte spezie, soprattutto piccanti, come il cumino, zenzero e peperoncini. Si mangiano anche diverse tipologie di carni come quella di manzo, di agnello e pollo, e la carne d’oca. Anche i dolci sono molto buoni, tra cui e si usa anche molto il cioccolato

A Zanzibar ci si muove bene, e nelle zone principali come quella Stone Town ci si può muovere sia a piedi, in bicicletta e con altri mezzi. Ci anche diversi collegamenti tramiti i bus locali che portano i turisti nelle zone principali. Si possono prendere i taxi che non costano poco, o si può noleggiare un autovettura.
A Zanzibar si può andare tutto l’anno. Il periodo comunque migliore , essendo il momento più fresco e asciutto, sono i mesi che vanno tra la fine di giugno e l’inizio di ottobre, che è anche il periodo di alta stagione prenotando un viaggio dall’Italia.
Questa città offre anche molto anche di sera. Vengono organizzati tanti spettacoli di musica dal vivo. A Zanzibar la musica è molto importante; si svolgono durante l’anno diversi festival come il Zanzibar Cultural Festival, dove si conoscono i costumi e gli usi del luogo. Ci sono tanti balli tipici, come il Sauti Za Busara Swahili Music & Cultural Festival, dove sono presenti le musiche di tutte le antiche tribù. Anche gli alberghi e i villaggi turistici organizzano diversi intratenimenti.

Per arrivare a Zanzibar ci sono anche diversi voli diretti da Milano, Roma, Bologna e Verona.