Il simbolo di Copenaghen è la Sirenetta, che accoglie tutti all’ingresso del porto, la statua rappresenta la protagonista di una delle favole più famose al mondo di Hans Christian Andersen, nato proprio in Danimarca. Copenaghen è la metropoli che ha fatto dell’educazione e della civiltà uno stile di vite degli abitanti, sia tra di loro che con i visitatori stranieri, difficile da trovare in altri posti.

Dall’estate del 2001 Copenaghen è collegata a Malmö, in Svezia, da un ponte a pagamento, facendola diventare il centro di una vasta area metropolitana che si estende su tutte e due le nazioni. In tutta la Danimarca la tradizione di Natale è forte, nella capitale in particolar modo.

Per chi ha in programma un viaggio da quelle parti, non può fare a meno di fare un salto a Copenaghen, che d’inverno è immersa nel candore della neve che da sola ispira l’aria del Natale, delle feste sotto l’albero illuminato o del pupazzo di neve. Così come festaiole sono le altre città importanti danesi, Århus, la seconda più grande della Danimarca, e Odense, dove si trova la casa del papà della Sirenetta, Hans Christian Andersen.

La maggior parte deIle iniziative di Natale a Copenaghen si svolgono al parco di Tivoli, oltre ai mercatini di Natale, da non perdere, le giostre che fanno di questi giardini l’attrazione più bella della città. Dall’11 novembre al 30 dicembre partono i festeggiamenti del Natale, 2.000 mq di esposizione dedicata alla Russia, parzialmente rappresentata dalla Cattedrale di San Basilio, si potrà attraversare idealmente a bordo della Transiberiana per scoprire i paesaggi della Russia ed incontrare il loro Babbo Natale che si chiama Ded Moroz, attorniato da straordinarie luminarie con l’immancabile tradizionale albero di Natale. Negli ultimi quattro giorni di festeggiamenti ci saranno anche dei fantastici fuochi d’artificio.

L’altro importante mercatino di Natale a Copenaghen è a Nyhavn, il più importante dopo quello di Tivoli. La formula non cambia, chalet, cibi e bevande del posto, artigianato, circondati però da una particolare atmosfera portuale che si respira in città nella zona del molo.

All’interno di Copenaghen c’è una sorta di comunità libera e indipendente, si chiama Christiania, dall’11 novembre al 22 dicembre viene allestito un mercato multietnico con prodotti da tutto il mondo.