La Croazia è ormai da diversi anni una delle mete più ambite per le vacanze estive per la sua bellezza, sia culturale che naturale, e soprattutto per le offerte a basso costo che si possono trovare. In un periodo di crisi economica come quello che stiamo vivendo poter contare su prezzi bassi per le vacanze è senza dubbio una cosa da non lasciarsi assolutamente sfuggire. In questa guida aiuteremo il lettore ad orientarsi sulle offerte vacanze 2014 in Croazia, in modo da poter trovare le offerte più congeniali ai propri fabbisogni.

Vale la pena di ricordare che la Croazia, oltre a offrire spiagge da sogno e acque cristalline, offre anche città antiche assolutamente da non perdere, rendendo la vacanza accattivante anche dal punto di vista culturale. Le cittadine della Dalmazia, la zona costiera della Croazia, sono tutte splendide con antichi borghi che testimoniano il grandioso passato sotto la bandiera della Repubblica di Venezia. Le principali sono da nord a sud, Zara, Sibenico, Spalato, e Dubrovnik (per luoghi vacanza da sogno cliccate qui).

Un’ottima soluzione per alloggiare a prezzi veramente scontati, si parla di 46,00 euro a persona per notte (colazione e buffet serali inclusi) sono i denominati hotel Mimosa a Rabac, nella baia di Maslinica. Si tratta di tre hotel, Mimosa, Hedera e Narcis, tutti tre stelle, che si affacciano su uno dei mari più limpidi dell’intera Costa Adriatica. I servizi che offrono sono colazione e cena a buffet, bar, 2 ristoranti, centro benessere con solarium (molto ricercato anche in estate), ben 2 piscine coperte (una con acqua salata), due piscine all’aperto e miniclub per bambini da 6 ai 12 anni (per info su ulteriori luoghi per vacanze da sogno cliccate qui).

Nelle vicinanze si ha la possibilità di usufruire di un ipermercato e di diversi negozietti caratteristici dove fare compere e riportare souvenir a parenti e amici. Per gli amanti delle immersioni è anche possibile fare corsi di sub organizzati dall’albergo (per info su altri luoghi per vacanze da sogno cliccate qui).

photo credit: Tim Ertl via photopin cc