Diciamo Palma de Mallorca e subito immaginiamo il mare, il divertimento, i locali notturni, ma questa splendida località è anche tesoro di tanta cultura e di tanta storia.

Nel centro storico di Palma de Mallorca si concentrano importanti monumenti. Possiamo iniziare con La Seu, la cattedrale in stile gotico. Il Palazzo riflette la sua imponente immagine nel lago artificiale di Parc de la Mar, all’interno del quale troviamo una grande opera in ceramica di Mirò insieme ad altre opere di artisti minori. Ai piedi de La Seu incontriamo le Voltes, un recinto con un patio centrale circondato da mura con alcune stanze dai soffitti a botte.

Nel centro storico di Palma de Mallorca poi, c’è il Palazzo Episcopale. Di origine gotica ha subito nei secoli diverse modifiche. Nella stessa piazza c’è l’Oratorio de Sant Pau. Nella Calle Almudaina c’è l’Orto del Re. Oggi è uno spazio aperto con uno splendido giardino dove si possono ammirare varie sculture di autori locali. Nello stesso spazio c’è l’Arc de la Drassana, da dove entravano le navi della Flotta reale degli emiri.

Uno degli spazi più importanti di Palma de Mallorca è il Passeig del Born. Qui emerge il palazzo barocco di Can Solleric, convertito attualmente in sala di esposizione. In uno dei due estremi del Passeig in Piazza Joan Carles I c’è la Fuente de Las Tortugas, costruita per commemorare il giuramento come principessa della futura Regina Isabella II. Oggi qui si riuniscono i tifosi locali per festeggiare le vittorie del Maiorca Calcio. L’avenida di Jaume III unisce il centro storico con la parte più nuova della città. La Plaza Major è il centro nevralgico della località. Famosissimo è anche il Quartiere Ebraico. Insieme ad esso il Plug de Sant Pere, dove si trova la Chiesa di Santa Creu, è uno dei quartieri più antichi e tipici di Palma de Mallorca.

Tanto mare sì, ma quanta cultura.

photo credit: bortescristian via photopin cc