Pokemon Go è sbarcato in Italia solo venerdì, ma ha già dimostrato una velocità di contagio che dalle nostre parti non si vedeva dalla Calamitas Calamitatum, la peste del 1630. A quanto pare, la voglia matta di acchiappare i mostriciattoli colorati che vivono nella realtà aumentata può essere talmente violenta e imprevedibile che potrebbe sorprenderci anche in vacanza. E allora, per tutti quelli che amano trascorrere le agognate vacanze al coperto e con un telefono in mano, Trivago ha pensato bene di compilare una lista di cinque alberghi Pokefriendly, “dove ci si può imbattere in Pokémon introvabili o fare il pieno di PokéBall senza lasciare il comfort di soffici cuscini e lenzuola appena stirate”.

Hotel Savoy (Londra, UK)

Il lussuoso ed antico hotel inglese è uno dei più affascinanti PokéStop della capitale. Si può fare il pieno di uova, pozioni e sfere Poké stando comodamente in una delle 268 splendide stanze dell’albergo. Inoltre, per chi è interessato anche a quello che c’è fuori nel mondo, la sua posizione centrale nel West End londinese, inoltre, permette di avere tanti luoghi di interesse a poca distanza come Trafalgar Square che ospita più di un PokèStop, ed il Big Ben, che permette di fare incetta di PokéBall e di Pidgeotto.

Savoy_external

CS

Villa Royale (Parigi, Francia)

Stare in un quattro stelle garantisce certi privilegi, come due PokéStop direttamente in hotel, una PokéGym a breve distanza e attirare tantissimi Pokémon semplicemente facendo il bagno. Ed è proprio quello che capita agli ospiti della Villa Royale a Parigi, un albergo vicino a Montmartre che dà rapido accesso ai più famosi monumenti della città (leggi PokéStop). Poi, se avete bisogno di un diversivo, da quelle parti c’è il Moulin Rouge.

Mantra 2 Bond Street (Sydney, Australia)

Nel Mantra 2 Bond Street a Sydney gli ospiti possono andare alla ricerca di Pokémon nei corridori della struttura, oppure incontrasi con altri giocatori nel suo bar, al claim di “Pokéstop by our bar”. E magari proprio nella rilassante piscina dell’albergo si può trovare il Pokémon d’acqua che si era cercato lungo tutta la Baia, e che si sarebbe trovato se non ci si fosse fatti distrarre dai magnifici paesaggi.

Kensington Star (Sokcho, Corea del Sud)

Nonostante quel nome molto british, il Kensington Star è uno splendido hotel con una bellissima posizione nel Parco Nazionale di Seoraksan, benedetto dal fatto di trovarsi in una delle pochissime località dove il segnale GPS coreano permette di giocare a Pokémon Go.Soggiornare in questa struttura ha i suoi vantaggi, oltre, ovviamente, a quello di trovarsi nell’unico santuario di Pokémon Go sulla penisola coreana: ci si può fare una sauna un’ottimo idromassaggio dopo aver camminato decine di chilometri testando il gioco.

Silverton Casino Lodge (Las Vegas, USA)

E si conclude con Sin City, la città del vizio: e come altro potremmo definire Pokémon Go? Se la ricerca di Growlithe e similari non è stata troppo stancante, è sempre possibile fare un salto nella palestra (vera) della struttura, oppure nuotare nella piscina all’aperto – il che è sempre una buona idea, considerato che dopotutto si è nel deserto.