Roma, la città eterna, meta di migliaia e migliai di visitatori ogni settimana. Decidere di trascorrere qui, nella Capitale, il Ponte del 2 Giugno è un’ottima idea. In soli tre giorni infatti potrete scoprire moltissime cose di questa splendida città. Tra arte, storia, cultura e anche un po’ di natura e divertimento, Roma in poco tempo vi farà letteralmente innamorare. Vediamo meglio cosa fare in tre giorni in città.

Roma: cosa vedere il ponte del 2 giugno

Il primo giorno a Roma, soprattutto se non ci siete mai stati, preparatevi a rimare sconvolti. Ad ogni angolo infatti ci sono bellezze storiche che raccontano il passato glorioso di questa città. Come prima cosa vi consigliamo di andare in Piazza del Popolo e da qui salire verso i giardini di Villa Borghese dove, proprio sopra questa piazza, si apre una sorta di belvedere che vi permette di ammirare gran parte di Roma dall’alto e farvi un’idea di ciò che vi aspetta. Da qui, una passeggiata a Villa Borghese, importante polmone verde della città è praticamente d’obbligo. Da qui il nostro consiglio è quello di tornare in Piazza del Popolo e iniziare a passeggiare in via del Corso e, nel pomeriggio del primo giorno visitare le Piazze più famose di Roma, facilmente raggiungibili dal centro: Piazza Navona, Piazza di Spagna e Fontana di Trevi. Per concludere il primo giorno potete poi andare a cena a Trastevere per tuffarvi completamente nello spirito romano e passeggiare tra i vicoletti e le piazze di questo quartiere.

Come cose da fare il secondo giorno della vostra permanenza a Roma, un consiglio è quello di dedicare una mattinata intera, almeno, alla scoperta della Città del Vaticano. Piazza San Pietro nasconde moltissimi segreti curiosi, stessa cosa la Basilica di San Pietro di cui vi consigliamo di raggiungere la vetta, anche se ci sono parecchie scale, perchè la vista vi ripagherà di ogni sforzo. Immancabile una visita ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina, opera di valore incommensurabile. Nel pomeriggio, avendo la giornata piena, vi consigliamo di visitare le altre attrazioni storiche della città come il Colosseo, i Fori Imperiali, il Pantheon e Castel Sant’Angelo. Alla sera riposatevi in Campo de’ Fiori, all’ombra della statua di Giordano Bruno potrete assaporare un cocktail o regalarvi un’altra cena degna di nota con tanti prodotti tipici.

Il terzo giorno, immaginando una vostra eventuale partenza per tornare a casa, il tempo da sfruttare è ridotto, ma sicuramente nella mattinata potete salire verso il Giardino degli Aranci e da qui ammirare il famoso “buco della serratura” in Piazza Cavalieri di Malta. Appoggiando l’occhio sulla serratura potrete vedere il “cupolone” in tutta la sua bellezza, perfettamente incastonato e in linea con il campo visivo offerto dal piccolo buco nella porta. Da qui scendete poi verso Piramide e passeggiate fino a Testaccio o raggiungere il famoso mercato di Porta Portese dove trovare tanti affari. Se nel pomeriggio avete ancora tempo nei pressi dell’Altare della Patria c’è il quartiere ebraico che è particolare per l’estrema calma e quiete che lo contraddistingue nonostante sia in pieno centro città.