Tra le città che non possiamo mancare di visitare in Portogallo c’è senza dubbio la città di Porto, affascinante località ubicata nel Nord del Paese lungo le rive del fiume Douro. La città esisteva prima dell’avvento dell’impero Romano, essendo un importante centro commerciale, sia marittimo che fluviale trovandosi proprio tra le due principali città atlantiche di Lisbona e Braga. Porto è la seconda città del Portogallo,  ed è anche il centro commerciale e industriale principale del Paese. Tutta l’economia gira attorno al suo porto, dove sorgono i principali centri di scambio e di lavorazione delle risorse.

Importantissima da un punto di vista architettonico è la cattedrale della città, risalente al XII secolo, e il ponte Dom Luis I, costruito tra il 1880 e il 1886. Proprio dalla cattedrale di Porto partì nel IX secolo la Reconquista cristiana  della Penisola Iberica. L’importanza della città si concretizzò quando nel 1337, Dom João I di Portogallo sposò l’inglese Filippa di Lancaster, da quel momento la città divenne il principale porto commerciale di scambio con l’Inghilterra. La caratteristica principale di Porto è che il centro storico che ancora commemora l’antico splendore della civiltà sviluppatasi nel medioevo, coesiste armoniosamente con il porto commerciale e le industrie limitrofe. L’importanza del centro storico di Porto ha fatto si che l’UNESCO nel 1996 la dichiarasse Patrimonio dell’Umanità.

La prosperosità della città fu anche dovuta all’oro e al legno pregiato che la Corona portò dal Brasile. Questi servirono d abbellire la città tanto da farla diventare uno dei fiori all’occhiello d’Europa. Decorazioni e azulejos furono creati grazie alle risorse brasiliane. Lungo la strada principale, Avenida dos Aliados, si possono trovare antiche botteghe artigiane, negozi di antiquariato, caffè tradizionali, taverne e negozi in cui poter acquistare il baccalà, tipico prodotto del luogo. 

Per un turista il modo principale e sicuramente più suggestivo di visitare Porto è quello di inoltrarsi nelle strette viuzze antiche in modo da poter vivere interamente il suo centro storico, fatto di scorci inattesi fino a raggiungere i luoghi più pittoreschi della cittadina atlantica. Il Monastero de Serra do Pilar, è uno dei punti migliori dal quale guardare dall’altro l’intera città che si estende lungo l’Oceano.  Da non perdere, per gli amanti del vino, è poi la degustazione del porto, il vino locale che assaggiato in un locale tipico avrà un sapore ancora più gustoso.

A cura di Christian Vannozzi

photo credit: Paolo Margari via photopin cc