Il mondo è pieno di meraviglie, la maggior parte delle quali sono fenomeni naturali di cui l’uomo non ha ancora trovato delle spiegazioni.

Come il fenomeno delle pietre mobili che si verifica in California, nella Valle della Morte. Qui, durante la stagione delle piogge, le pietre, anche di grandi dimensioni, si spostano sul terreno, lasciando dietro di loro delle lunghe tracce simili a strade.

La Valle della Morte, la “Death Valley”, è un’ampia zona che si estende per gran parte nello stato della California fino a lambire lo stato del Nevada. È una zona desertica, anticamente si pensa fosse occupata dal mare, al centro della quale si trova il punto più basso di tutta l’America settentrionale, che si trova oltre 86 metri sotto il livello del mare.

Il fenomeno delle pietre mobili è davvero una meraviglia della natura. Accade solitamente ogni due o tre anni e ogni pietra può muoversi anche per tre o quattro anni consecutivi. Nessuna delle pietre segue un percorso delineato, alcune procedono diritte altre, invece, cambiano la loro traiettoria e può anche accadere che si girino rispetto alla posizione da cui sono partite. Le pietre, muovendosi, lasciano dietro di loro dei solchi nel terreno che possono raggiungere i tre centimetri di profondità e i 30 di larghezza.

Non si è ancora giunti ad una spiegazione scientifica del fenomeno, nonostante siano stati compiuti numerosi studi in merito. Si pensa che il moto delle pietre venga avviato dai forti venti che soffiano in questo luogo durante il periodo invernale, ma non si capisce come le pietre possano continuare il  loro moto nei periodi in cui il vento non è così forte.