Torniamo a parlare di Italo. Per chi ancora non lo sapesse Italo è il nome che la NTV, Nuovo Trasporto Viaggiatori, ha dato ai suoi treni.

La NTV è la società gestita da Luca di Montezemolo che, finalmente, ha portato un po’ di concorrenza nel mercato del trasporto su rotaia in Italia.

Il primo treno è partito il 28 aprile ed è arrivato a destinazione con successo e con plausi, ma anche qualche critica, da parte dei passeggeri, VIP e non, che hanno approfittato delle offerte promozionali per il lancio della compagnia.

Passati i primi giorni di rodaggio la NTV ha annunciato che presto saranno operativi altri treni che porteranno i viaggi sulla tratta Milano-Bologna-Firenze-Roma-Napoli dagli attuali 4 (due da nord a sud e due in direzione contraria) a 10 viaggi al giorno. Entro la fine del 2013 i viaggi diventeranno 100 con 50 treni operativi.

Chi ne paga le spese è Trenitalia che, nonostante abbia proposto delle tariffe interessanti, in questo momento si trova in una posizione piuttosto scomoda: i treni Italo non solo hanno delle tariffe molto più basse (alcune tratte di Italo costano la metà rispetto alle stesse fatte con Trenitalia) ma offrono anche un migliore servizio per i passeggeri, sia a bordo dei treni che con i servizi a terra.