È uno degli atolli più grandi al mondo, Rangiroa si trova nell’isola più affascinangte dell’arcipelago delle Tuamotu (Polinesia Francese) soprattutto grazie alla sua laguna, la seconda più grande al mondo (la prima è quella della Nuova Caledonia), e alla ricchezza e varietà sottomarina, cosa che la rende uno dei siti diving più importanti e apprezzati del pianeta. Tutto l’anno a Rangiroa si possono incontrare banchi di barracuda e tonni, pesci pappagallo, napoleone e farfalla, tartarughe, razze, squali grigi e delfini. E per farlo non bisogna neppure sforzarsi tanto: basta raggiungere in barca l’area protetta dalla corrente del Tiputa Pass, chiamata inequivocabilmente Shark Cave, scendere a 30 metri di profondità e sedersi su una roccia sporgente per ammirare decine e decine di razze e di squali, che scivolano nel canale sfruttando le correnti.

Per i meno esperti c’è l’Avatoru Pass, che offre la possibilità di ammirare coralli, pesci fhrurgo e farfalla, razze e squali in abbondanza. Fuori dall’acqua, Rangiroa regala un paradiso di spiagge bianche benedetto da un clima quasi perfetto, anche durante la stagione delle piogge.

Il posto migliore dove alloggiare a Rangiroa è la petit pensione Tevahine Dreams, la cucina è eccellente, i bungalow sono curati in ogni dettagli, gli ospiti vengono accolti nel modo più autentico e amichevole.

Vicino al piccolo hotel si trova la Gauguin’s Pearl Farm, dove si coltivano magnifiche perle nere di Tahiti. La visita è gratuita e si possono fare acquisti a prezzi vantaggiosi.

Dove dormire a Rangiroa: vicino alcelebre Avatoru Pass, la petit pension Tevahine Dreams, propone camere dopppie da 105 euro a testa con mezza pensione ed escursioni.

Dove mangiare a Rangiroa: cucina franco polinesiana alla carta o a menu fisso (26 euro) da Le Kai Kai (Avatoru)