Viterbo è una città di provincia del Lazio, forse non abbastanza nota perché oscurata dalla vicinanza con Roma, ma certamente interessante dal punto di vista turistico, sia sotto il profilo storico artistico che per la presenza sul suo territorio di sorgenti di acqua termale.Situata tra i monti Violini e quelli di Camino, la città è stata anche residenza papale, attualmente è un importante polo universitario e sede di una celebre Accademia d’Arte.

Ma l’aspetto sicuramente più accattivante di Viterbo per i suoi visitatori, è quello che concerne i centri benessere sorti intorno alle terme naturali. I bagni di zolfo sono citati nell’opera duecentesca più importante di tutta la letteratura italiana, la Divina Commedia.

I bagni menzionati da Dante Alighieri sono situati nelle campagne intorno Viterbo e sono liberi.

Chiunque può accedervi e utilizzare gratuitamente i bagni, peraltro aperti durante tutto l’intero arco dell’anno.

Fare il bagno nelle acque calde e talvolta bollenti di queste zone (alcune vasche superano la temperatura di quaranta gradi centigradi) sarà un’esperienza meravigliosa soprattutto se vissuta nelle ore notturne o nella stagione fredda.

I più conosciuti sono quelli detti del Bullicame e si trovano a soli due chilometri dalla città, ma ci sono anche quelli di Bagnaccio, completamenti immersi nel paesaggio campestre.